Si scalda il clima bianconero, in vista del finale del mondiale le trattative cominciano a entrare nel vivo e a smuovere gli umori, nel bene e nel male. E' stata ufficializzata la cessione della coppia di portieri Meret e Karnezis, lasciando certamente un po' di amaro in bocca e tanta curiosità per capire cosa succederà adesso. Scuffet non sembra intenzionato a voler restare in zona e si fa quindi allettante la proposta del Frosinone che metterebbe sul piatto Bardi per uno scambio praticamente alla pari.

Musso che sembrava un acquisto per il Watford sembra invece prossimo a restare e quindi si troverebbe le spalle coperte da Bardi che ha maggiore esperienza nel calcio italiano. Soprassiedo qualsiasi valutazione morale che riservo piuttosto per il termine delle varie tornate di mercato. Resto in attesa palpitante sul fronte Bologna, dove lo scambio De Maio-Danilo è ancora al centro di trattativa, ma che se dovesse concretizzarsi risolverebbe un bel problema nelle retrovie.

Come anticipato nelle scorse settimane, la cessione di Jankto alla Sampdoria è passata completamente indolore per non dire inosservata e l'arrivo di Mandragora rappresenta già un buon rimpiazzo. Ravviva invece non poco le fantasie la possibilità di vedere in maglia bianconera Giuseppe Rossi. Il ragazzo svincolato dal Genoa è nel mirino del nuovo direttore sportivo Pradé, non mi stupirei che in sordina il giocatore riuscisse a trovare l'accordo e a Udine il posto ideale dove riemergere.

E' ancora presto per capire se la squadra della prossima stagione sarà un'altra promessa non mantenuta o rappresenterà realmente qualcosa di nuovo. Fa strano vedere una società che soffre per la cessione di un giocatore conterraneo, come se avesse problemi di bilancio, per poi scoprire che si tratta solo di un prestito e che il pagamento andrà a concretizzarsi con la cessione nella prossima stagione. Ma preferisco non pensarci e credere che la società faccia perlomeno quello che voglia anche se poi dice che non è quello che vuole.