Commenta per primo
Successo fondamentale quello arrivato domenica sul campo del Benevento, nel lunch match valevole per la 33esima giornata di campionato: al Vigorito, i bianconeri sono stati bravi a scendere in campo con la giusta mentalità, interpretando la gara in maniera perfetta e lasciandosi alle spalle la sconfitta casalinga rimediata contro il Cagliari.

I ragazzi di Gotti hanno sbloccato l’incontro dopo soli quattro giri di lancette, grazie ad un filtrante visionario di Rodrigo De Paul, che ha permesso al connazionale Molina di trafiggere Montipò in diagonale, trovando la prima gioia in bianconero.

Il raddoppio di Arslan, arrivato al 31esimo della prima frazione dopo una bella ripartenza corale, ha regalato entusiasmo alla compagine friulana, avvicinando momentaneamente le Zebrette alla decima vittoria stagionale. Pochi minuti più tardi, però, lo stesso Arslan, con la complicità di Musso, ha consentito al Benevento di rimettersi in partita, concedendo un calcio di rigore piuttosto evitabile - il quarto di fila dopo quelli regalati a Torino, Crotone e Cagliari.

Nella ripresa l’Udinese ha immediatamente ristabilito la distanza sui giallorossi, riportandosi a +2: ancora una volta ad illuminare è stato El Diez, che ha premiato il taglio di Stryger Larsen, servendolo in maniera perfetta in area di rigore. La rete dell’esterno danese, la seconda del campionato, ha di fatto tagliato le gambe ai padroni di casa, abbassando i ritmi della sfida e concedendo ai ragazzi di Gotti ampi spazi per ripartire in velocità.
Proprio in contropiede è arrivato il gol che ha chiuso la pratica: Jayden Braaf, dopo aver dribblato Glik, ha depositato in rete il pallone dell’1-4, diventando il più giovane marcatore della Serie A 2020-21 ed il più giovane giocatore olandese a segnare nel campionato italiano

A nulla è servito il destro di Lapadula nel finale di partita, che ha castigato Musso: i bianconeri, forti delle quattro reti segnate, sono usciti dal rettangolo di gioco con le tasche piene, centrando una vittoria importantissima in vista del rush finale.

Il vantaggio sul terzultimo posto rimane di otto lunghezze, a cinque giornate dal termine; i friulani scenderanno in campo domenica contro la Juventus, per cercare di dare continuità al successo di Benevento. 

Giocare con la stessa cattiveria agonistica vista due giorni fa dovrà essere la prerogativa principale per affrontare la Vecchia Signora, al fine di allontanarsi definitivamente dalla zona calda della graduatoria e puntare ad una posizione più tranquilla in classifica.