8

La Nocerina è stata esclusa ufficialmente dal campionato di prima divisione di Lega Pro per illecito sportivo, con assegnazione da parte del Consiglio Federale ad uno dei campionati di categoria inferiore, e un’ammenda di 10mila euro. A sancirlo è stata la Commissione Disciplinare della Figc, in merito ai fatti legati al derby-farsa andato in scena contro la Salernitana, lo scorso 10 novembre. La gara era stata interrotta al 21' del primo tempo per il raggiungimento della soglia minima di giocatori presenti in campo. I giocatori, infatti, avevano inscenato cambi fortuiti ed infortuni a ripetizione dopo le minacce ricevute dagli ultrà della Nocerina. La corte ha ance disposto anche la squalifica di dieci tesserati del club con la società che è stata punia con 10mila euro di ammenda per responsabilità oggettiva.

La Commissione, presieduta dall’avv. Sergio Artico e composta da Massimo Lotti, Franco Matera, Arturo Perugini e Gianfranco Tobia, riporta il sito ufficiale della FIGC ha inoltre inibito per 3 anni e 6 mesi il presidente della Nocerina Luigi Benevento, il direttore generale Luigi Pavarese e il medico della società Giovanni Rosati. Squalifica di 3 anni e 6 mesi per i tecnici Gaetano Fontana e Salvatore Fusco, squalifiche per un anno per i calciatori Domenico Danti, Edmunde Etse Hottor, Iuzvisen Petar Kostadinovic, Franco Lepore e Lorenzo Remedi. Sono stati prosciolti dagli addebiti contestati i calciatori Davide Evacuo, Luca Ficarrotta, Davide Polichetti, Carlo Cremaschi, Celso Daniel Jara Martinez e Giancarlo Malcore.