102
La Juve sta usando la Champions per prepararsi al campionato. Tutto ha molto più senso in Europa. Anche la posizione di Chiesa, il suo gioco. E’ l’uomo che deve dare profondità alla Juve, come se fosse un contropiede che comincia a metà campo. In Italia è più difficile, ti conoscono, ci sono avversari preparati. In Europa anche Chiesa sembra più a suo agio. Corre come un inglese, è spigoloso come le vecchie ali del Celtic, è rimasto uno degli ultimi italiani a dover cercare sempre di saltare l’uomo. 

Ascolta "Juve, in Europa ha più senso anche Chiesa" su Spreaker.

Lo stesso Pirlo pensa più volentieri in europeo, forse perché ha sempre vissuto un calcio universale. Sta costruendo un 4-2-2-2 che è molto poco italiano, con almeno 6 giocatori a partita poco portati a difendere (direi Cuadrado, Danilo, Ramsey, Chiesa, Morata, Ronaldo). Il pensiero di Pirlo è molto chiaro, direi deciso. I suoi ruoli sono precisi. Questo toglie dal tavolo i giocatori più ampi. Kulusevski è l’alternativa a Ramsey. Per lui Dybala è un attaccante o niente. Non una mezzala ma nemmeno un trequartista. E in attacco i titolari sono molto evidenti, Ronaldo e Morata. Quindi i giocatori di mezzo con Pirlo sono destinati a giocare mezza partita.