140
In un'epoca come questa piena di ideologie leggere come il vento d'estate, mi tornano in mente le parole di Norman Mailer uno scrittore americano, un uomo di sinistra deluso dal suo schieramento. Chiedeva al suo partito qualcosa che lo facesse riconoscere, un problema attuale non solo negli Stati Uniti. Quando era al culmine della sua depressione politica, usava un salvagente delizioso: parlava con qualcuno di destra, la sua sponda opposta, e questo lo rigenerava. Parlare con la poca qualità dell'avversario gli faceva capire quanto fosse consolante fare parte della vecchia sponda.



E' una piccola lezione di vita. Per esempio sei un tifoso juventino scontento dal mercato? Prova a fare un'ora di tifo per la Fiorentina o il Verona e vediamo se non torni ad essere uno juventuno felice. Così è parlare di Juve, dopo 10 minuti in cui gli trovi i difetti, capisci che la sua storia merita più rispetto di quello che gli dai. Agnelli ha sbagliato due cose: il caso Suarez e la Superlega, ma ha vinto per 9 anni di fila, cosa che non era mai successa a nessuno. A volte sembriamo tutti delle zanzare, insoddisfatte di fare sesso con un elefante.