82
La cosa più seria che possiamo fare davanti alla morte di Maradona è chinare la testa e restare due minuti in silenzio. Sarebbe sbagliato discuterlo, giudicarlo e ancora di più compatirlo. Ha avuto una grande vita, ha scelto da solo il suo Bene e il suo Male, ha amato, sofferto, ha toccato il mondo con le dita lasciando una traccia evidente su tutto. Ha goduto il suo privilegio e pagato gli errori, come tutti. Ma pochissimi possono dire di essere stati dentro la vita come lui. Non mi permetto di giudicarlo, come non vorrei essere giudicato io quando verrà il momento. 

Ascolta "Maradona ha avuto una grande vita, non giudichiamolo" su Spreaker.

Non dobbiamo capirci tra noi, dobbiamo non dimenticarci. Come diceva Quasimodo, un premio Nobel di cui sembra non ricordarsi più nessuno, “ognuno sta solo sul cuore della terra, trafitto da un raggio di luce”. Maradona ha avuto, dato e perso tante cose, non poteva chiedere di più alla terra. E’ stato un uomo libero, ha avuto molti figli, tanti amici, tante passioni. Non puoi avere questo e pensare di non commettere errori. Fanno parte del gioco di vivere intensamente. Ma alla fine beato Diego e beata Napoli che se l’è goduto a lungo.