227
Si parla molto del caso Dybala. È un interesse corretto, il giocatore è importante e ha un costo accettabile. Nel tentativo di prenderlo mi sembra che alcune squadre, soprattutto il Milan, puntino su qualità tattiche che Dybala non ha. Il Milan cerca un trequartista, Dybala è un attaccante puro. Può partire anche da lontano, ma non ha né la corsa né la comprensione del ruolo. In sintesi non può essere il terzo centrocampista. Nemmeno Diaz lo è, infatti è stata per lui una stagione grigia. Ma Diaz almeno è un fantasista di movimento, non c’entra niente con Dybala. Segna molto meno perché non è un attaccante.



Dybala o è un uomo che segna e gioca vicino alla porta, o è una risposta incompleta per chiunque. Non è un problema tecnico, solo di caratteristiche. Dybala deve avere il pallone ad altezza centravanti, spostarsi e cercare la porta. Quello sa fare bene. Anche nell’Inter gli attaccanti ci sono. Si vuole dare a Dybala qualità che per esempio sono di Mkhitaryan, giocatore più completo. Dybala ha il ruolo di Sanchez, forse Correa, non quello di Lautaro che come attaccante è superiore. Andrebbe bene nel Napoli, nel 3-4-2-1 della Roma, molto meno nelle altre squadre.