216
Non credo che l'Inter pensi davvero di incassare 15 milioni dalla cessione di Stefano Sensi. Non per le sue qualità che sono molte, ma per la sua fragilità fisica, limite che pesa almeno quanto le sue qualità. Inoltre Sensi non vuole lasciare l'Inter e sarebbe un altro errore della Fiorentina prenderlo e pagarne da sola i rischi. Se un giocatore non è tranquillo della destinazione non conviene investirci sopra ancor più nel mercato di oggi in cui tutto va avanti attraverso prestiti.

Ascolta "Sensi non vale 15 milioni, la Fiorentina lo prenda in prestito" su Spreaker.

Ecco Sensi è una classica operazione da prestito con riscatto legato a un prezzo alto, ma anche a un numero elevato di presenze. Nessuno investirebbe oggi quella cifra per un giocatore bravo, ma dalle condizioni fisiche incerte. L'altra faccia della medaglia è il ritorno di Zaniolo che in un mercato immobile rappresenta un vantaggio straordinario il poter aggiungere in rosa uno dei migliori giocatori italiani. Con Mourinho avrà l'allenatore perfetto per recuperarlo e completarlo, con calma e con un po' di fortuna. E anche Mancini avrà un titolare in più, per il Mondiale.