Commenta per primo

L'Under 21 italiana affronta domani, allo stadio Franco Ossola di Varese, in amichevole la Svizzera vicecampione d'Europa. Il tecnico azzurro Ciro Ferrara inquadra così la sfida: "Il gruppo che ho in testa è sostanzialmente definito - spiega - anche se sono aperto alle possibili novità che potrebbe proporre il campionato. In questo gruppo c'è quantità ma anche qualità e la mia speranza è che questi ragazzi possono trovare spazio anche nelle loro squadre di club: ritengo essenziale poter giocare con continuità per poter avere eguaglianza competitiva rispetto ai pari età delle altre nazioni".

Ferrara prosegue: "In altri Paesi si investe molto di più sui giovani, sono molte le squadre importanti a livello continentale che schierano da titolari ragazzi del '91, del '92 e anche del '93. È un investimento. L'Italia invece è un paese importatore: si preferisce spendere per acquistare i giocatori già pronti anzichè investire per la loro crescita".