Commenta per primo

"Spero che sia la partita che segni la pace e la riconciliazione tra le due tifoserie, che i valori dello sport tornino in campo, anche in memoria di mio marito". Così Marisa Grasso, vedova di Filippo Raciti, commenta all'ANSA la decisione del Viminale di fare giocare il derby Palermo-Catania a porte aperte.