1055
È un grande Milan, nonostante le assenze. I rischi di perdere il filo del discorso fra i canali della Serenissima erano alti, dopo una così grande prova come quella di tre giorni fa con la Roma e con l’emergenza a centrocampo e difesa ancora lontana da risolversi. L’avversario, poi, era ostico e soprattutto riposato. Invece, i rossoneri fanno 3 gol anche al Venezia di Zanetti e dimostrano un controllo totale sui tempi, i ritmi e gli eventi della partita. Nel secondo tempo, c’è spazio anche per altre due buone notizie, il rientro di Rebic e l’esordio di Luca Stanga, difensore classe 2002 della Primavera molto interessante.

IL PRIMO TEMPO - Non poteva iniziare meglio il primo tempo il Milan. I rossoneri partono subito all’arrembaggio e sbloccano la partita dopo 2 minuti: Leao, sulla sinistra è come sempre incontenibile, arriva sul fondo dentro l’area, alza la testa e serve Ibra che deve solo spingere dentro il pallone da pochi centimetri. Poi il Milan ci prova, spesso dalla distanza, con Leao, Theo Hernandez e Florenzi, ma senza rendersi particolarmente pericoloso e finisce per spegnersi, complice anche un aumento dell’attenzione tattica degli uomini di Zanetti.

IL SECONDO TEMPO - Il secondo tempo parte come era iniziato il primo e continua a senso unico. Questa volta è Hernandez, al 3’, a sgroppare sulla sinistra, ma a differenza di Leao arriva davanti a Romero e lo batte con un sinistro sotto la traversa. Ancora Theo è decisivo poco dopo. Al 58’ raccoglie la respinta di Romero su un tiro di Ibra a centro area e calcia a botta sicura. Svoboda respinge con un braccio: è rigore ed espulsione per il centrale austriaco. Poi il capitano del Milan segna anche dal dischetto, è doppietta. Pochi minuti dopo arriva un’altra ottima notizia per i tifosi rossoneri: fa il suo ingresso in campo, al posto di Leao, Ante Rebic, reduce da un lungo infortunio. Avanti di 3 gol e con un uomo in più, il Milan nasconde il pallone al Venezia e detta i ritmi della partita, decidendo quando accelerare e quando rallentare. All’88’ arriva anche l’esordio per Luca Stanga, terzino destro o centrale di difesa della Primavera di Giunti. Finisce 3-0 per il Milan, che va momentaneamente in testa alla classifica, in attesa di Inter-Lazio e del recupero, per i nerazzurri, della partita col Bologna.


A FINE PARTITA, RESTA SU CALCIOMERCATO.COM PER L'APPROFONDIMENTO DI ALBERTO CERRUTI.