82
Momento tutt'altro che facile per la Nazionale di Giampiero Ventura. Alla vigilia della trasferta con l'Albania, fondamentale per il ranking in vista dei playoff per il Mondiale, il commissario tecnico dell'Italia ha parlato a Sky Sport: "Quando ho iniziato questa avventura ho detto che questa Nazionale necessitava di un ricambio generazionale. Questa squadra era avanti con l'età, ma non potevamo prescindere da punti di riferimento come Buffon, Bonucci, Chiellini e De Rossi, che hanno fatto e stanno facendo la storia. Non c'era depressione dopo il pari con la Macedonia. Abbiamo concordato con i punti di riferimento, che voi chiamate senatori, alcune cose. Mi hanno confermato di essere uomini veri, importanti e li ringrazio".

MONDIALE OBBLIGATORIO - "Sono in questo mondo da tanti anni. È importante riportare equilibrio e serenità per giocarsi questi playoff. L'Italia deve andare al Mondiale, creando i presupposti per giocarsi con serenità queste partite. Non conta quel che viene detto e scritto, si va sopra le righe e fa parte del gioco. Ora bisogna passare i playoff e andare al Mondiale. Dobbiamo vedere un'Italia diversa da venerdì. A volte hai voglia, ma non ci riesci. Questo è un gruppo straordinariamente positivo e unito, ci mancano alcuni giocatori importanti, che ti danno il tasso d'esperienza che aiutano i giovani. A volte paghi questo, ma c'è voglia e cuore. Credo che vedremo un'Italia diversa".

'SERENO E SODDISFATTO' - Queste, invece, le parole del ct in conferenza stampa: "Sono assolutamente sereno. Ho visto lavorare bene i ragazzi fino a stamattina, mi aspetto passi in avanti rispetto alla Macedonia. Abbiamo grandi margini di miglioramento. Sono soddisfatto di quanto visto in questi 14-15 mesi. Potevamo fare qualcosa di più in alcuni frangenti, ma alla fine non possiamo lamentarci. Siamo nel complesso soddisfatti. Albania? Per loro è una gara storica, per noi sarà una partita interessante anche se siamo già qualificati. Dobbiamo vincere per avere più chance di essere testa di serie allo spareggio".