79
Gentile Procuratore,

sono appena stato in Costa Azzurra in vacanza con i miei amici e ho notato che quasi nessuno metteva la mascherina, anche nei locali al chiuso. Sono rimasto davvero sbigottito nel notare la differenza che c'è tra quanto accade in Italia (dove almeno nei locali pubblici c'è molta attenzione) e ciò che ho visto con i miei occhi nella bella e rinomata costiera francese. Volevo, quindi, segnalare questa contraddizione: la Ligue 1 non è mai ripartita, mentre il nostro campionato è in pieno svolgimento! Nel ritorno in macchina verso l'Italia io e i miei amici discutevamo proprio di questo: come è possibile che in Francia non siano rispettate le norme antivirus e, invece, il calcio è rimasto chiuso come se fosse più grave e pericoloso dello stare in giro per locali senza nessun tipo di accorgimento igienico? E ancora chiedo: il Lione sarà avvantaggiato nel disputare la partita contro la Juventus in Champions League non avendo sulle gambe il logorio di tante partite ravvicinate in un breve periodo di tempo come sta accadendo alla Juve? Pongo un'ultima domanda, sempre nel parallelismo calcio italiano e francese, che riguarda il calciomercato: in Francia i procuratori e i direttori sportivi come potranno fare le loro valutazioni anche last minute sui calciatori, se questi ultimi non sono più impegnati agonisticamente? In Italia il nostro campionato è sotto la luce dei riflettori e penso che il rendimento dei suoi protagonisti, positivo o negativo, potrà influenzare le scelte di mercato dei vari club. Ad esempio non pensa che le recenti partite opache di Lautaro Martinez possano aver fatto fare un passo indietro agli scout e ai dirigenti del Barcellona? Giancarlo di Torino 



Gentile Giancarlo,

non posso contestare quanto da te notato nelle località balneari francesi, ma, per non uscire fuori tema, mi limiterei a rispondere ai tuoi quesiti squisitamente calcistici: il Lione sarà avvantaggiato nello scontro in Champions League contro la Juventus? Penso di no, valori in campo a parte. Se da un lato è pur vero che la Juventus ha affrontato e dovrà affrontare ancora numerose partite in un lasso di tempo decisamente ristretto con il rischio che alcuni calciatori possano anche subire l'incidente di qualche infortunio, ritengo, dall'altro, che non ci sia miglior allenamento del giocare partite ufficiali di campionato, mentre il Lione in questo strano periodo potrà solo continuare ad allenarsi con il rischio di presentarsi in Champions priva nelle gambe del ricercato "ritmo partita". La considerazione sul calciomercato è davvero molto interessante. Non si può negare, infatti, che gli operatori di mercato seguano con interesse le vicende dei campionati attualmente in corso per valutare lo stato di forma e non solo dei protagonisti in campo. Circa il rendimento attuale di Lautaro Martinez non si può negare che nel post Covid il ragazzo abbia disputato partite meno brillanti, pur ritenendo che il valore del calciatore non possa comunque essere messo in discussione. 

Ma ora passo la palla agli utenti di calciomercato.com inoltrando i tuoi interessanti interrogativi: la sospensione del campionato francese avvantaggerà il Lione contro la Juventus che, invece, arriverà all'appuntamento in Champions presumibilmente stanca per i tanti e ravvicinati impegni della Serie A? E Lautaro Martinez rischia di non essere più apprezzato dal Barcellona viste le ultime prestazioni sportive?