Commenta per primo

E' un successo rotondo che racconta molto bene la differenza di valori in campo vista questo pomeriggio a Pistoia, il 4-2 finale con cui il Varese guidato da Devis Mangia elimina dal 'Viareggio' la Juventus, che con l'obbligo di vincere, e reduce dal deludente 2-2 in rimonta dell'esordio, aveva impostato un match d'attacco, con il 4-3-3. Equilibrata e divisa a metà come spinta propulsiva e pericolosità la prima frazione. L'inizio va alla Juventus, che godendo di un centrocampo solido che si affida al classe '93 Schiavone, regista pensante della squadra di Bucaro, sfiora il vantaggio su punizione proprio con il numero 23 bianconero al 2', e poi solo un ottimo intervento di Miceli al 22' evita guai peggiori al Varese, quando Buchel lancia De Silvestro sul filo del fuorigioco. Sono così poi gli uomini guidati da Devis Mangia a prendere in mano le redini del gioco, affidandosi all'estro del classe '91 Ferreira, che agisce fra le linee di centrocampo ed attacco con esperienza. Prima al 34' Pompilio serve a Scialpi una palla d'oro che però la prima punta del Varese svirgola, poi lo stesso numero 10 lombardo, ben assistito da De Luca, batte imparabilmente Costantino. Punta nel vivo la Juventus ci mette poco a reagire, ed al 39’, su cross di Liviero, Giannetti pareggia di testa. Il secondo tempo è ancora più scoppiettante ed inizia al 58' quando Libertazzi, servito da Giannetti, deve solo spingere in rete un assist al limite dell'area piccola. Il Varese però non si dà per vinto e De Luca, cinque minuti più tardi, con un meraviglioso tacco volante dopo calcio d'angolo, fulmina un sorpreso Costantino. A chiudere la gara e a dare il successo a biancorossi di Mangia ci pensa Benvenga, al termine di uno splendido contropiede, con un destro da fuori area. Chiude il conto, nei titoli di coda del match, Pompilio che umilia per il 4-2 finale la Juventus, che esce mestamente già al primo turno da questo toreneo.

JUVENTUS

L'allenatore della Juventus, Giovanni Bucaro: 'Ci abbiamo provato fin dal primo minuto, consapevoli che avevamo l'obbligo di vincere, dopo il pareggio della prima gara. Siamo stati anche in vantaggio ma evidentemente in questo momento facciamo fatica a reggere certi ritmi ed anche a livello tattico ci facciamo sorprendere facilmente. Usciamo dal torneo a testa alta, consapevoli che comunque abbiamo speso ogni singola energia per onorare la vittoria dell'anno scorso. Ora abbiamo l'obbligo di chiudere bene questa prima fase e mettere in mostra che siamo una squadra che non merita la classifica che abbiamo in questo Viareggio. Ci teniamo a chiudere bene'.

VARESE

L'allenatore del Varese, Devis Mangia: 'E' un successo che ci ripaga degli sforzi fatti per presentarci già al meglio delle nostre possibilità in questa prima fase. Sapevamo di dover affrontare un avversario voglioso e ferito dal deludente pareggio nella prima gara, e siamo stati bravissimi a non scomporci sul loro vantaggio. Abbiamo un attacco composto da giocatori che sanno finalizzare molto bene, ma tutta la squadra oggi ha dato segni di grande maturità. Poi, è evidente che i solisti come Pompilio e De Luca me li tengo stretti, ma siamo un grande gruppo, che sa rimanere concentrato, anche nei momenti difficili. Ora contro il Bruges servirà non distrarsi perché ci teniamo a chiudere a punteggio pieno'.

 

TABELLINO

JUVENTUS-VARESE 2-4 
 
Reti: 35' pt. Pompilio (V), 39' pt. Giannetti (J); 13' st. Libertazzi (J), 18' st. De Luca (V), 28' st. Benvenga (V), 46' st. Pompilio (V).
 
Juventus (4-3-3): Costantino, Romano, Camilleri, Di Dio (1' st. Ilari), Liviero, Belcastro (31' st. Corticchia), Schiavone, Buchel (1' st. Spinazzola), Libertazzi, Giannetti, De Silvestro. A disposizione: Di Salvia, Carfora, Belfasti, Esposito, Corticchia, Ilari, Spinazzola, Margiotta, Bianconi. All. Bucaro.

Varese (4-3-3): Micai, Toninelli, Marchi, Miceli, Wagner (15' st. Barberis), Bianchetti, Benvenga (30' st. Lazaar), Scialpi, De Luca, Pompilio, Ferreira (33' st. Capriolo). A disposizione: Belenzier, Capriolo, Gaeta, Romanini, Maio, Serrano, Samba. All. Mangia.

Arbitro: Rapuano di Rimini.

Note: ammoniti: Pompilio (V), Scialpi (V), Romano (J).