Commenta per primo

La Lazio accede agli ottavi con nove punti, mentre finisce l'avventura nella Coppa Carnevale per il Torino. La partita è caratterizzata da intensità e voglia di fare risultato da parte di entrambe le squadre. Tra le due è maggiormente il Torino a cercare la via del gol alla ricerca della qualificazione. Un po' di nervosismo è stato presente in tutti e due i tempi, ma tutto sommato la gara è stata corretta. La prima frazione di gioco non ha riservato nessuna emozione. Nel secondo tempo la partita si è vivacizzata. Il Toro si è spinto in avanti alla ricerca del pari, mentre la Lazio si è difesa bene per poi ripartire alla ricerca del gol in contropiede. In più occasioni la squadra di Asta si è portata in avanti ma con azioni velleitarie che hanno portato solamente a tiri sopra la traversa, o al massimo a guadagnare dei calci d'angolo che non hanno sortito nessun effetto. La Lazio, dal canto suo, ha difeso bene senza rischiare troppo. Non a caso le uniche azioni pericolose dei granata sono arrivate dalle azioni individuali di Pinelli e dai calci piazzati ben calciati da Miello. La gara si è vivacizzata al 35' quando il numero dieci granata ha portato in vantaggio il Toro su rigore calciato impeccabilmente alla destra di Berardi. Cinque minuti dopo la squadra biancoceleste ha trovato il pari con Adeleke su mischia in area di rigore. A tempo ormai scaduto, precisamente al 49', la Lazio ha trovato la rete del vantaggio sempre con Adeleke.

Obiettivamente nella gara nessun giocatore ha brillato in maniera particolare, anche se sia i granata che i biancocelesti possono contare su alcuni giocatori molto promettenti. Nel Torino hanno spiccato maggiormente Pinelli e Miello. Sono entrambi ragazzi dotati, che però non hanno ancora le carte in regola per fare il salto di qualità. I mezzi però fanno parte del loro bagaglio personale. Il primo, classe '92, è un bravo regista. Dotato di un buon possesso di palla, è capace di difendere bene il pallone e a smistarlo con precisione. Con un po' di esperienza può andare avanti. Il secondo, attaccante di fascia, basso e gracilino, è molto rapido e reattivo, oltre ad avere un buon piede. Non a caso i calci piazzati sono sempre affidati a lui. Debole fisicamente, deve ancora farsi le ossa. Nella Lazio invece, oltre al solito Ceccarelli, promettono bene Zampa e Adeleke. L'uno classe '92, l'altro classe '91, stanno diventando un punto fermo della squadra di Bollini. Il primo, centrocampista, ha un buon controllo di palla: grintoso e con buoni piedi, sa far ripartire l’azione. Il secondo, centrocampista anche lui, è dotato di piedi buoni oltre ad essere veloce e reattivo.

LAZIO

Felice sia per il risultato che per la prestazione dei suoi ragazzi, mister Alberto Bollini: 'E' stata una partita molto difficile contro un avversario tosto quale il Torino. I granata, infatti, hanno improntato la gara sull'aspetto agonistico e nonostante la sconfitta sono usciti a testa alta. Sinceramente non meritavano di essere eliminati. Sono, quindi, molto contento della prestazione dei miei ragazzi, che sono riusciti a ribaltare il risultato dopo essere passati in svantaggio. Adesso, nella fase finale, non importa chi incontreremo. Molto dipenderà da noi e dalle energie sia mentali che fisiche che dobbiamo assolutamente recuperare. Purtroppo la prossima partita la giocheremo senza Onazi e Capua, entrambi squalificati'.

TORINO

Di umore totalmente opposto è l'attaccante granata Matteo Triggiani: 'Il risultato è stato bugiardo perché abbiamo giocato alla pari della Lazio, se non meglio. Purtroppo abbiamo buttato via la qualificazione perdendo la prima gara con l'Anderlecht. Speriamo che vada meglio il campionato anche perché siamo una buona squadra'.

TORINO-LAZIO 1-2

Reti: 37' st. Pinelli rig. (T), 41' st. Adeleke (L), 49' st. Adeleke (L).

Torino (4-3-1-2): Gomis; Isoardi, Chiosa, Fiore, Scaglia; Panepinto, Ippolito (40' st. Barbosa), Taraschi (7' st. Vita); Miello, Pinelli, Ferrante (20' st. Triggiani). A disposizione: Brusa, Benedetto, Sperotto, Giunta, Milani, D'Alessandro. All. Asta.

Lazio (4-3-3): Berardi; Spirito, Crescenzi, Vilkaitis, Pantano, Onazi, Zampa, Capua (37' st. Tira), Ceccarelli (27' st. Barreto), Di Mario (21' st. Trombetta), Adeleke. A disposizione: Mosciatti, Fagioli, Rozzi, Paca, Monteforte. All. Bollini.

Arbitro: Scarica di Castellamare di Stabia.

Note: ammoniti Isoardi (T), Fiore (T), Pinelli (T), Capua (L), Triggiani (T), Pantano (L), Scaglia (T), Onazi (L), Trombetta (L).