18
Victor Moses aspetta di conoscere il suo futuro nell'Inter versione 2020/2021. Perché l'esterno nigeriano - fedelissimo di Antonio Conte dai tempi del Chelsea - è piaciuto nelle poche uscite in maglia nerazzurra, ma l'Inter non vuole spendere l'intera cifra, ovvero i 12 milioni richiesti da Abramovich per il riscatto del laterale che ha potuto giocare fin troppo poco: se proseguisse il campionato si potrebbe ripensare la trattativa, ma se tutto venisse bloccato per la Serie A può modificarsi lo scenario per Moses. Nei pensieri nerazzurri, il piano cambia perché uno sconto può essere la soluzione per trattenerlo a Milano in tempi di crisi anche tra top club. 

Ascolta "Moses e il piano dell'Inter" su Spreaker.

PERSYN NEL FUTURO - Di certo, in estate c'è l'idea di investire su un esterno destro con diversi nomi nella lista, Federico Chiesa ma non solo. Non dovesse restare Moses, per il ritiro estivo intanto Conte gradirebbe l'idea di aggregare alla prima squadra il giovane Tibo Persyn, esterno destro belga classe 2002 considerato di grandi prospettive. Protagonista in Primavera e graditissimo alla dirigenza nerazzurra, Persyn ha doti offensive ma cresce continuamente tanto che l'Inter lo blocca e prepara il rinnovo fino al 2023 volendolo aggregare alla prima squadra. Ha la stessa età di Esposito e l'Inter vede un potenziale importante così come un percorso simile in Persyn, ma chiaramente la fascia destra sarà di Candreva e di un altro protagonista, a meno di sconti per Moses ancora nerazzurro. Con Ashley Young (rimarrà) e D'Ambrosio jolly utili per Conte.