5
La Fiorentina riparte da dove aveva lasciato, una vittoria in casa contro il Torino, con una prestazione solida e quadrata. L’organizzazione è sicuramente il punto di forza di Beppe Iachini, che inizia a togliere un po’ di scetticismo che continua ad aleggiare sopra di lui, riuscendo ad ingabbiare Marco Giampaolo ed il Torino, che non è mai realmente entrato in partita. Il 3-4-2-1 pensato dall’allenatore di Ascoli funziona, la Fiorentina ha buone qualità e più volte sfiora il gol, sfruttando i suoi giocatori di maggior talento, anche se la rete arriva solo a poco più di 15 minuti dalla fine, dopo svariate occasioni sprecate.

ATTACCANTE – La questione attaccante, in casa Fiorentina, va avanti dalla fine dello scorso campionato, con tanti numeri 9 accostati alla viola. Iachini e Pradè hanno più volte dichiarato di credere ciecamente nei tre attaccanti che sono già presenti in rosa, ovvero Kouame, Vlahovic e Cutrone. L’ivoriano ex Genoa, in questo momento, è il preferito dell’allenatore, ed è partito titolare anche ieri. Il lavoro di Kouame è prezioso, e il ragazzo più volte va vicino al gol, anche se non sono da dimenticare le occasioni sprecate dal numero 11 viola, che un bomber di razza avrebbe tramutato più facilmente in gol. Commisso, che ha potuto festeggiare al Franchi con la sua famiglia, si sarà accorto delle qualità di questa squadra, e anche di come servirebbe un attaccante capace di segnare con facilità, per far fare il salto di qualità alla sua squadra.

CASTROVILLI – Una nota molto positiva della Fiorentina è sicuramente Gaetano Castrovilli, fresco di maglia numero 10 sulle spalle. Dopo una gara altalenante del centrocampista pugliese, è proprio lui a regalare i tre punti alla Fiorentina, grazie ad un inserimento da grande opportunista. Pochi giorni prima della gara, lo stesso Castrovilli aveva dichiarato come gli sarebbe piaciuto bagnare il debutto con la maglia che fu di Antognoni e Rui Costa con una rete, ed è riuscito in pieno a raggiungere il suo obiettivo. La Fiorentina avrà tanto bisogno dei suoi giocatori di talento, e Castrovilli è sicuramente il punto di partenza per la viola del futuro, e se il buongiorno si vede dal mattino…