Commenta per primo

Meglio precisarlo subito: Mario Balotelli, dopo la visita di lunedì, non rischia di tornare in carcere. Ma gli investigatori della Direzione distrettuale antimafia di Napoli gli hanno consegnato, a Coverciano, una citazione a comparire davanti ai Pm della Procura di Napoli. La procura di Napoli vuole ascoltare l'attaccante del Manchester City -che non è indagato a nessun titolo - per verificare la correttezza delle dichiarazioni di un ex confidente della camorra diventato poi pentito.

Durante una visita a Napoli, un anno fa, Balotelli fece un "tour" a Scampia: e in quella occasione avrebbe inconrtato presunti esponenti della camorra di Secondigliano, Salvatore Silvestri, del clan Lo Russo, e Biagio Esposito, del clan degli Scissionisti. "Non sapevo affatto chi fossero, quel giorno a Napoli c'era sempre molta gente intorno a me", ha sempre detto Balotelli. Balotelli ha sostenuto di essere andato lì perché curioso di vedere i luoghi dello spaccio a Scampia, noti attraverso le cronache. Silvestri e Esposito lo avrebbero "accompagnato", per poi ospitarlo in una casa dove avrebbero scattatp foto ricordo con lui.

La procura vuole sentire anche Ezequiel Lavezzi sui suoi rapportoi con l'imprenditore Marco Iorio, arrestato alla fine di giugno con l'accusa di riciclaggio.