59
La Serbia è volata al Mondiale, con la pazza rimonta, arrivata sul gong, firmata Aleksandar Mitrovic. Dusan Vlahovic non ci ha messo lo zampino, ma guida la festa spogliatoio per il biglietto direzione Qatar 2022 strappato dalle mani di Cristiano Ronaldo. "​Il mio futuro? Voglio solo lavorare ancora di più e avere grande fame di vittorie e gol. Se farò questo, penso che alla fine tutto andrà a posto. Almeno non mi pentirà perché avrei potuto fare qualcosa di diverso” le parole riportate da Tuttosport. Con l'attaccante della Fiorentina che pensa già al futuro. Che, nel calcio, fa rima con mercato. 

LA JUVE - E' il primo obiettivo della Juventus per l'attacco. In scadenza nel 2023 con la Fiorentina, Vlahovic ha deciso di non rinnovare il proprio contratto , decidendo di diventare uomo mercato. La Viola è pronta a cederlo già a gennaio, di fronte a circa 70 milioni di euro, cifra al momento difficile per il club bianconero, che lavora sul serbo più in ottica estate, quando riuscirà a piazzare almeno uno tra Ramsey e Rabiot e quando incasserà dalla possibile cessione di Dejan Kulusevski, pronto a esser sacrificato sull'altare del bilancio. Insomma, la Juve ci pensa più per l'estate che per gennaio, quando, invece, qualcuno dalla Premier potrebbe intervenire. Chiaro che se dovesse scatenarsi subito un'asta, la Juve accelererebbe per le sue cessioni e per creare un piccolo tesoretto. 
L'INGHILTERRA - L'Arsenal è il club più interessato, pronto anche a venire incontro alle richieste economiche della Fiorentina. I Gunners, però, non scaldano il cuore di Vlahovic, vista anche la caratura delle altre squadre interessate: c'è il Tottenham di Conte, anche lui pronto a un investimento a gennaio, ma, soprattutto, c'è il Manchester City che qualora non dovesse riuscire a prendere Harry Kane potrebbe virare con forza sul classe 2000, e c'è anche lo United. Senza dimenticare, ma qui la Premier non c'entra, l'Atletico Madrid. Insomma, concorrenza di livello alto, altissimo per la Juventus. Che fa il tifo per la permanenza in Viola di Vlahovic a gennaio, così da sferrare l'attacco decisivo con i caldi dell'estate.