97
Un'altra puntata, di una telenovela la cui fine è ancora da decidere. A scriverla e recitarla Wanda Nara, moglie e agente di Mauro Icardi, il cui futuro in nerazzurro resta in dubbio: "Abbiamo visto la partita da casa, con la famiglia. Certo, volevamo anche evitare ogni tipo di polemica. Marotta sapeva che non saremmo andati. Parlo più con lui che con Mauro. Dovevamo vincere, e così è stato. Tre punti importantissimi per la squadra" - ha detto a Tiki Taka - "Non vorrei dire nulla che possa essere mal interpretato. Questa sarà una settimana importante per tutto il mondo interista. Ma posso dire che è stata una settimana positiva, perché abbiamo parlato e siamo arrivati a qualcosa di importante. Io voglio fare solo il bene di Mauro. Lui vuole restare all'Inter. Ho scelto un avvocato interista, una persona con cui poter fare la pace con la società. Non ho chiesto alcuna riabilitazione della figura pubblica di Mauro. Non la smentisco come notizia semplicemente perché non avrebbe senso fare una richiesta di smentita a settimana".

PAROLA A MAURO - "Sono tifosa dell'Inter e sono arrabbiata per quello che leggo. Ovvio che la gente ci rimane male. Il giorno che Mauro parlerà e spiegherà cambieranno molte cose. Perché ciò che Mauro ha mostrato in campo, con le lacrime e con l'impegno, è da giocatore che ha dato tutto per la maglia. Spero che si risolva questa situazione mediatica. Lo ripeto: Mauro vuole restare, e vuole continuare la sua carriera all'Inter".

INFORTUNIO - "Il problema al ginocchio non è inventato. Ha deciso di curarsi in questo momento perché lo reputa più importante. Si sta curando 24 ore su 24. Non capisco però come degradare il giocatore più costoso possa fare il bene della società".