L'ex attaccante e Pallone d'Oro del Milan George Weah è a un passo dall'essere eletto nuovo presidente della Liberia; i tempi tecnici per la proclamazione del vincitore sono molto lenti nel paese africano, che da 70 anni non ospitava elezioni democratiche, ma i primi dati ufficiosi annunciati dai media locali non lasciano spazio ai dubbi: l'ex rossonero è in netto vantaggio sul rivale Boakai, in gran parte delle contee chiamate al voto (tredici su quindici). 

IL TWEET CHIARIFICATORE - Il vantaggio è così imponente che Weah ha parzialmente contravvenuto alla richiesta delle autorità preposte alla sorveglianza del voto di non lanciarsi in proclami ufficiosi prima dell'annuncio ufficiale del vincitore con un tweet molto chiaro, riportato qui sotto: "Il popolo della Liberia ha espresso la sua scelta ieri e insieme siamo fiduciosi circa l'esito del processo elettorale #Liberia2017". La Liberia, famosa per le tante miniere di diamanti, è stato l'unico paese africano non colonizzato durante la sua lunga storia, ma al momento si trova in grande povertà, anche a causa di due sanguinose guerre civili. Weah, unico Pallone d'Oro africano, proverà ad essere l'uomo che rialzerà il suo popolo.