31
Lunga intervista di George Weah a La Gazzetta dello Sport: "Milan da scudetto? Non mi sorprende, stiamo parlando del Milan, mica di una squadra qualsiasi. Dovevano ritrovarsi e lo stanno facendo, perché la cultura della vittoria fa parte del dna rossonero. Maldini ha enormi meriti, è un uomo umile, un gran capitano e un ottimo amico".

IBRAHIMOVIC - "E' un tipo forte e sicuro di sé, qualità che saltano all'occhio immediatamente. Ma c'è molto altro: è uno che si impegna al massimo ed è sempre concentrato al cento per cento. L'età non conta. Vierchowood e Baresi hanno giocato a un livello altissimo fino a quasi quarant'anni per esempio. E poi naturalmente lo stesso Maldini".

RONALDO - "E' la testimonianza più alta del grande lavoro. La storia di Ronaldo ti dice che se credi di poter fare una cosa la puoi fare".

LUKAKU - "Se penso a lui ricordo la mia storia: quando decisi di muovermi dalla Francia all'Italia la gente mi diceva che in Serie A non ce l'avrei fatta. Io credevo nelle mie qualità e lo stesso sembra stia succedendo a Lukaku: lo trovo più completo rispetto al suo passaggio in Inghilterra".