108
“Se fossi Zaniolo comincerei a pensare che giocare in Serie A è diventato quasi impossibile per lui ormai. Mi sento male per lui per come viene trattato, gli consiglio di andare all’estero e lo dico contro i miei interessi”. Un invito esagerato quello di Mourinho nel post partita col Bologna ma che nasconde nel profondo della bravura comunicativa del tecnico anche dei risvolti di mercato reali riguardanti soprattutto la Premier. Il campionato più amato da Mou. Il talento giallorosso, infatti, è finito da tempo nel mirino di Antonio Conte per il suo Tottenham e potrebbe essere nella lista della spesa del nuovo e ricchissimo Newcastle. Una richiesta che il tecnico italiano ha già fatto consapevole però che bisognerà aspettare l’estate per capirci di più. 

RABBIA - Il malumore di Nicolò per il trattamento riservato in serie A è qualcosa di cui il giocatore ha parlato spesso sia con la famiglia sia con lo stesso Mourinho. La paura di un nuovo infortunio c’è, oltre alla frustrazione di essere ormai catalogato dalla classe arbitrale come “simulatore”. Poi c’è l’aspetto contrattuale con un rinnovo che ancora non arriva e i dubbi su un ruolo tattico ancora poco definito. Nessuna incrinatura con Mourinho che anzi lo ha difeso pubblicamente ieri.  Come detto, però, il richiamo della Premier in estate rischia di essere forte come lo era stato prima del doppio infortunio. All’epoca Zaniolo faceva gola sia al Manchester United che allo stesso Tottenham oltre che alla Juve che oggi è fuori per tanti motivi. La valutazione di Nicolò è scesa sui 40 milioni ma i Friedkin non sembrano comunque intenzionati a lasciar partire quello che giudicano uno dei pochi, veri prospetti di valore della rosa.
Segui la Serie A TIM su DAZN. Attiva ora