Ungheria-Belgio 0-4 (10' Alderweireld, 78' Batshuayi, 79' Hazard, 91' Ferreira-Carrasco) 

Courtois 6.5: una partita che avrebbe dovuto vivere da spettatore rivela invece più insidie del previsto. Un paio di grandi parate per tenere avanti la sua squadra. 
Meunier 5.5: i terzini sono il punto debole della nazionale di Wilmots. Non ha colpe particolari, ma spinge poco e non sempre è preciso in difesa. 
Alderweireld 6.5: attento dietro e pericoloso davanti, dopo dieci minuti porta avanti i suoi. Il più solido della difesa belga.
Vermaelen 5.5: protagonista di qualche disattenzione. Diffidato, si fa ammonire e salterà il quarto di finale contro il Galles. 
Vertonghen 5.5: costretto a giocare ancora fuori ruolo, fa quel che può, ma non spinge praticamente mai. 
Witsel 6: ordinaria amministrazione, con Nainggolan forma la coppia più solida per il centrocampo. 
Nainggolan 6.5: Wilmots non lo ama, ma è costretto a schierarlo. Il centrocampista della Roma è l'unico nella rosa belga a dare equilibrio e riesce anche a creare pericoli in avanti, grazie ai suoi inserimenti. Grande assist per il 4-0 di Ferreira-Carrasco. 
De Bruyne 6: bene nel primo tempo, con una gran punizione su cui  solo un miracolo di Kiraly gli nega il gol, cala nella ripresa. Bella verticalizzazione nel finale per il 3-0 di Hazard. 
Mertens 6: corre tanto, ma crea poco per le sue qualità (70' Ferreira-Carrasco 6.5: venti minuti gli bastano per trovare il suo primo gol in nazionale). 
Hazard 7.5: pian piano si sta caricando il Belgio sulle spalle. Sempre pericoloso con le sue accelerazioni, chiude la partita con un assist e un gol splendido (81' Fellaini sv). 
R. Lukaku 5: spesso appare un corpo estraneo. Poco mobile, non riesce a incidere nelle tante occasioni create dai suoi compagni (76' Batshuayi 6.5: entra a un quarto d'ora dalla fine e la prima palla che tocca è gol. Al posto giusto nel momento giusto). 

Ct Wilmots 6: obiettivo raggiunto, ma quanta sofferenza! Il Belgio continua a sembrare un agglomerato di singoli, più che una squadra.