B come Belotti, ma anche come Baselli e Barreca, ovvero tre degli avversari che nel giro di pochi giorni il Milan si troverà di fronte per due volte: prima giovedì sera a San Siro negli ottavi di finale di Coppa Italia, poi lunedì al Grande Torino nella 20ª giornata di campionato. Belotti, Baselli e Barreca non sono però solamente tre dei migliori prospetti di proprietà del Torino, sono anche tre giocatori che dalle parti di Casa Milan piacciono molto. 

MR. 100 MILIONI - Montella e gli uomini mercato rossoneri avranno ora la possibilità di vedere da vicino per due volte consecutivamente i tre gioiellini granata. Più che un gioiellino, a dir la verità, Andrea Belotti è un vero e proprio diamante, considerando anche il costo del suo cartellino: 100 milioni di euro, come stabilito dalla maxi clausola inserita nel contratto firmato un paio di mesi fa dall'attaccante e valevole soltanto per l'estero. “Belotti? La clausola c’è e fa capire che non consideriamo proposte sotto i 100 milioni – ha ribadito Cairo nel post partita di Sassuolo-Torino commentando l'offerta di 65 milioni che, secondo i giornali inglesi, l'Arsenal sarebbe pronta a formulare – Se dovessero arrivare noi non possiamo parlare: a decidere sarà il giocatore. Ma è anche chiaro che il livello di quella clausola è molto elevata, non penso che arriveranno mai quei soldi: per questo me lo tengo stretto”. Mettere le mani sul Gallo granata per il Milan sarà quindi tutt'altro che semplice.

RIMPIANTI ROSSONERI - Facile non sarà neanche arrivare ad Antonio Barreca, terzino sinistro rivelazione di questo campionato, punto fermo oltre che del Torino anche della nazionale Under 21. Non è un mistero che Barreca simpatizzi per i colori rossoneri ma Cairo non è intenzionato a lasciarlo partire né ora, né nel prossimo futuro considerati i grandi margini di crescita che ha il difensore, cresciuto proprio nel vivaio granata. In questo caso il Milan non può fare altre che mordersi le mani, considerato che quattro anni fa ha avuto la possibilità di acquistare il giocatore ma alla fine non riuscì a trovare l'intesa con la società granata. Un altro giocatore che potrebbe essere rossonero da tempo è Daniele Baselli per cui, ai tempi dell'Atalanta, il Milan aveva raggiunto un accordo: Galliani e Berlusconi decisero poi di non portare a termine la trattativa. Ne approffittò Cairo che un anno e mezzo fa lo portò sotto la Mole per circa 5 milioni: ora ai dirigenti rossoneri ne serviranno di più se vorranno aggiungerlo alla rosa di Montella. La scorsa estate non è infatti neanche bastato provare ad offrire in cambio Kucka, nonostante lo slovacco fosse un giocatore richiesto espressamente da Mihajlovic a Cairo.