Bologna-Verona 4-0 
 
Gomis 6: a sorpresa Donadoni sceglie di affidargli la maglia da titolare. Inoperoso per larga parte della gara, viene graziato da Ganz nel primo tempo.
 
Krafth 6.5: esegue alla perfezione il compitino senza strafare fino ai minuti finali, quando al 90’ segna il quarto gol rossoblù.
 
Gastaldello 6: barcolla nei primi minuti della prima frazione, andando in apnea, senza riuscire a dar la giusta sicurezza al reparto. Il doppio vantaggio addormenta la gara rendendogli più semplice il compito.
 
Oikonomou 6: prova senza troppe sbavature ma rimane impietrito sull’occasionissima sprecata da Ganz in apertura di gara.
 
Mbaye 6: il Bologna soffre le incursioni peggiori proprio sulla sua fascia di competenza; da buon diesel aumenta la caratura della sua prestazione nella ripresa quando la pressione scaligera cala d’intensità.
 
Donsah 6: torna a giocare dal primo minuto dimostrando come sempre grande forza e personalità.
 
(dal 66' Dzemaili 6: non sposta gli equilibri ma esegue bene quello che il mister gli chiede).
 
Nagy 6: con lui in campo la squadra ha tutto un altro ritmo anche perché, come al solito, non sbaglia le giocate importanti. Sempre in posizione corretta in uscita dai disimpegni difensivi, chiude ogni contenzioso su chi debba ricoprire il ruolo di metronomo. Fondamentale.
 
Pulgar 6.5: bene soprattutto in fase di incursione a costante rimorchio degli attaccanti; giocatore del quale Donadoni si priva troppo spesso. Buona la sua prestazione che suona come forte candidatura anche per il campionato.
 
(dall'86' Taider s.v.)
 
Mounier 7: torna al gol dopo quasi un anno nel primo tempo concludendo una perfetta azione di contropiede. Effervescente per quasi tutta la partita, ravviva uno spento finale con il sigillo di testa che legittima la passione che tiene l'infreddolito pubblico felsineo al "Dall'Ara" sino al triplice fischio.
 
Destro 6: fornisce l’assist nell'azione del raddoppio, nonostante certifichi una palese mancanza di "killer instinct". Mette altri novanta minuti nel curriculum di questa stagione.
 
Di Francesco 6.5: l'infortunio è solo un lontano ricordo, segna il gol che sblocca la partita con un tiro potente nell'angolino. Data l'assenza di Verdi, almeno sino a gennaio, ecco servita a Donadoni una possibile soluzione.
 
(dal 77' Okwonkwo s.v.)
 

All. Donadoni 6.5: ha rischiato mettendo in campo numerose riserve, ma il campo gli ha dato ragione. Ottima prova da parte dei suoi ragazzi.