Per vivere da latitante è necessario rinunciare a tante cose. Emanuele Niola, boss di spicco del clan Di Lauro, non ha però saputo fare a meno del Napoli. Il 33enne di Secondigliano è stato infatti individuato e arrestato dai carabinieri grazie all'intercettazione della telefonata di un emissario di Niola, che cercava di acquistare i biglietti per la sfida del San Paolo del prossimo 21 ottobre, tra la squadra di Maurizio Sarri e l'Inter

TELEFONATA GALEOTTA - Al momento della comunicazione delle generalità degli intestatari dei biglietti, l'uomo ha infatti temporeggiato sul cognome del latitante, cercando di far capire al suo interlocutore che si trattava di Niola. I carabinieri, insospettiti da questa titubanza, hanno iniziato a seguire gli uomini fidati del 33enne, fino ad arrestarlo in un autolavaggio di Secondigliano.