4 italiane in Champions? In teoria sì, dal 2018-19, stagione nella quale sarebbe dovuta entrare in vigore la riforma voluta dalla Uefa per la massima competizione europea per club. Eppure, come riporta Marca, la riforma può saltare: la prossima settimana i vertici della UEFA si riuniranno proprio per modificare o, addirittura, sospendere il nuovo format della Champions. 

Il 26 agosto scorso i vertici della federazione europea avevano approvato la riforma: 4 rappresentanti per Italia, Germania, Spagna e Inghilterra, vale a dire le prime 4 classificate dei campionati nazionali, nessuna delle quali sarebbe passata dai playoff. Ora il passo indietro. Perchè? Principalmente per due motivi. 

Il primo: la pressione delle leghe più piccole. Il secondo, più politico: quando la riforma fu approvata, a capo della UEFA c'era Ángel María Villar, presidente ad interim; ora che a capo c'è lo sloveno Aleksander Ceferin, l'aria sembra cambiata.