L'Inter non rischia di veder saltare l'acquisto di Joao Miranda. Le notizie provenienti dalla Spagna non trovano una totale conferma: è vero infatti che il club nerazzurro aveva chiesto all'Atletico Madrid di posticipare la data della prima parte dei soldi dovuti ai colchoneros (i 3 milioni per il prestito, primo passo per arrivare poi ai 12 per il riscatto), ma, di fronte al secco no del club spagnolo, la società di Erick Thohir ha già provveduto a inoltrare il bonifico per il pagamento della cifra pattuita. 

17.50 INTER, PROBLEMI PER IL PAGAMENTO DI MIRANDA? - Dalla Spagna si apre un piccolo caso relativo all'acquisto da parte dell'Inter del difensore centrale brasiliano Joao Miranda, presentato oggi alla stampa nel ritiro di Riscone di Brunico dopo aver debuttato nell'amichevole di domenica scorsa col Galatasaray. Il centrale è stato acquistato in prestito oneroso biennale, con obbligo di riscatto di 12 ma, secondo l'emittente madrilena Cadena Cope, il club nerazzurro non ha mai pagato i 3 milioni del prestito pattuiti con i colchoneros, cifra che avrebbe dovuto essere versata in questi giorni. Sempre secondo i colleghi spagnoli, l'Inter avrebbe chiesto di posticipare la data del pagamento al mese di novembre, fatto che ha infastidito parecchio l'Atletico Madrid, pronto clamorosamente a richiedere indietro il calciatore.

VIDIC SOTTO I FERRI - Per una tegola che, in attesa di conferme ufficiali, potrebbe abbattersi sull'Inter, ce n'è un'altra che indirettamente riguarda l'operazione del ds Ausilio e del dg Fassone di sfoltire la rosa a disposizione di Mancini per creare le premesse per gli ultimi colpi in entrata. Sempre dal ritiro in Trentino, si apprende che il centrale serbo Nemanja Vidic sarà costretto ad operarsi alla schiena per rimuovere un'ernia all'origine dei continui problemi di lombalgia accusati nelle ultime settimane. La delicatezza dell'intervento (in programma già nella giornata di domani) richiederà tempi di recupero fissati in almeno 5-6 mesi, il che significa che l'ex Manchester United non farà ritorno in campo prima dell'inizio del 2016 e che sfuma la possibilità di trovargli una sistemazione, dal momento che il giocatore non rientra nei piani di Mancini.