La difesa in emergenza, il centrocampo in affanno ma finalmente al completo aspettando il mercato. Ma soprattutto un attacco da recuperare. Anzi, soprattutto un attaccante da recuperare, per recuperarne due. Se Mario Mandzukic una partita alla volta sta tornando sui suoi livelli, con un Marko Pjaca il cui rientro rischia di essere sempre legato all'anno nuovo, ecco che l'assenza di Paulo Dybala è di fatto coincisa con il calo di Gonzalo Higuain: solo due le reti del Pipita dall'infortunio del connazionale, uno su rigore col Lione ed uno nella partita delle partite col Napoli.

 

CORRI PAULO – È passato ormai più di un mese dall'infortunio di Dybala, un guaio muscolare che lo ha fermato proprio quando aveva ritrovato ritmo, gol e fiducia. Sembrava tutto pronto per il suo rientro dopo la sosta per le nazionali, poi un ulteriore stop e la speranza di ritrovare un posto trai convocati almeno in vista del match con l'Atalanta. Ipotesi ancora non tramontata, con la Joya che ancora in questi giorni ha lavorato a parte ma è determinato quanto prima a tornare al proprio posto, magari rispettando l'obiettivo dell'inatteso big match di sabato sera. Nel momento in cui la Juve ha maggiormente bisogno della sua classe e del suo entusiasmo, per ridare anche imprevedibilità a un attacco un po' troppo statico nonostante il grande lavoro sporco sia di Mandzukic che di Higuain.

 

HIGUAIN CHIAMA PAULO – Già, Higuain. Proprio il Pipita sembra aver bisogno più che mai di un compagno di reparto come Dybala. Che possa svariare su tutto il fronte d'attacco, caricandosi sulle spalle il gioco muovendosi tra le linee, lasciando quindi ad Higuain l'unico compito di dominare l'area di rigore e buttare la palla in rete. Che poi è quello che gli riesce meglio, che poi è quello per cui è stato pagato 90 milioni. La Juve ha bisogno di Dybala e del migliore Higuain, Higuain per ritrovarsi ha bisogno di Dybala. Per fare in modo che nonostante una difesa in emergenza ed un centrocampo in affanno, possa essere proprio l'attacco a prendere per mano la Juve ora che ne ha un'infinita necessità.

@NicolaBalice