Andrea Favilli e Riccardo Orsolini sono l'oro di Ascoli: l'attaccante e l'esterno offensivo, entrambi classe '97, stanno letteralmente trascinando la squadra marchigiana allenata da Alfredo Aglietti, che da gennaio 2017 ha ingranato la quinta, proprio grazie alle loro giocate, trovando il decimo risultato utile consecutivo che li ha portati dal lambire la zona playout a lottare per i playoff e la conseguente promozione in Serie A.

ORSOLINI, BIANCONERO A TUTTI GLI EFFETTI - La linea verde, anzi la linea bianconera, sta facendo faville, perdonateci il gioco di parole: le ultime sei reti realizzate dal Picchio portano tutte quante la loro firma (quattro sono di Favilli, due di Orsolini). E per loro il futuro dovrebbe essere ancora fianco a fianco: Orsolini è già un giocatore della Juve, pagato a gennaio 6 milioni di euro con la possibilità di arrivare a 10 bonus compresi, e a giugno si aggregherà al gruppo della Vecchia Signora per la stagione 2017/2018, prima che i dirigenti bianconeri scelgano se trattenerlo o cederlo ancora in prestito.

FAVILLI FA FAVILLE, CHE CAVALLO DI RITORNO! - Favilli è invece un ex, dato che ha giocato nella Primavera bianconera, realizzando la bellezza di 22 gol, e anche in Serie A, con quell'esordio datato 7 febbraio 2016. Marotta e Paratici avevano provato a trattenerlo la scorsa estate, ma tutto saltò per colpa del presidente del Livorno Spinelli, proprietario del cartellino. Ora è dell'Ascoli, che ha tutta l'intenzione di riscattarlo a fine stagione, con la regia proprio della Juventus, che nell'ambito dell'operazione che ha portato Riccardo Orsolini a Torino, ha strappato un accordo sulla parola per l'attaccante col ds Cristiano Giaretta e con Donato Di Campli, agente di entrambi i ragazzi.

LA JUVE AL DEL DUCA: C'E' ANCHE CASSATA - Questa sera, nel corso del match vinto 3-1 contro la Pro Vercelli, Federico Cherubini, stretto collaboratore di Giuseppe Marotta, era in tribuna al Dal Duca, per osservare da vicino i due gioielli, ma non solo: anche Francesco Cassata, altro classe '97, centrocampista di proprietà della Juve e in prestito nelle Marche, potrebbe facilmente diventare un cavallo di ritorno. Durante la finestra di mercato di gennaio è stato a lungo seguito dal Liverpool, e la Juve non vuole farselo scappare. Per Favilli invece, l'obiettivo è il riscatto in sinergia. Quel che è certo è che nelle Marche la Juve sta coltivando il futuro, e lo sta facendo molto bene.

@AleDigio89