In Primavera di attaccanti come lui ce ne sono pochi, e infatti Raul Josè Asencio Moraes è più spesso ad allenarsi a Pegli in prima squadra che non agli ordini di Cristian Stellini con i suoi parietà. Eppure ogni volta che veste la maglia del Genoa Primavera Asencio si trasforma in quella splendida macchina da gol che ha stregato tutti più di due anni fa quando il club rossoblù bruciò la concorrenza per portarlo in Italia.

BOMBER DI RAZZA - Classe 1998 nato a Villarreal in Spagna, Asencio ha origini brasiliane ma carattere tipicamente spagnolo. Cresce nelle giovanili del Burriana, una scuola calcio all'interno della comunità valenciana e grazia al Vicenza Calcio arriva presto a disputare qualche torneo giovanile in Italia dove stupisce tutti gli osservatori. Asencio (foto instagram asencio.jr) è una prima punta moderna, dotata di un ottimo fisico, è alto 1 metro e 89 e sta potenziandosi muscolarmente, bravo di testa, ma altrettanto abile nello spostarsi lontano dall'area per creare spazi per gli inserimenti dei compagni. Ha il gol nel sangue e in stagione, nelle 5 partite giocate in Primavera ha già all'attivo 7 gol con 3 doppiette, non ultima quella che ha steso il Novara nell'ultima giornata di campionato. 

BRUCIATA LA CONCORRENZA DELLA JUVE - Il Genoa ha lavorato alacremente per portarlo in Italia nel 2014 e grazie all'opera di Michele Sbravati e Francesco Bega, responsabili del settore giovanile rossoblù, il club di Preziosi è riuscito a convincere il giocatore strappandolo alla concorrenza del Valencia, che seguiva da tempo i suoi progressi, ma anche di Ajax e soprattutto Juventus, anch'essa arrivata a parlare con gli agenti del giocatore per portarlo in Italia. Per fare chiarezza sulle scelte di Asencio Calciomercato.com ha intervistato il suo agente, Graziano Battistini: "Asencio era un giocatore seguitissimo, ma alla fine il progetto propostogli dal Genoa è stato quello vincente. Lui sa che in questo club può crescere ancora tantissimo e si allena già da professionista vero. E' spesso in prima squadra, si è allenato con Gasperini e con Juric e entrambi hanno creduto subito in lui convocandolo spesso al seguito della squadra. Il suo mondo però deve ancora essere la Primavera dove può dimostrare tutte le sue doti e crescere ancora".

NUOVO TORRES, HA STUPITO TUTTI - Asencio ha stupito tutti fin dal suo approdo a Genova. Negli allenamenti con la prima squadra si è sempre messo in grande mostra tanto che il capitano rossoblù, Nicolas Burdisso, in uno dei primi incontri ha dichiarato amichevolmente: "Ma questo da dove arriva?". Un opinione condivisa da tanti compagni di squadra come confermato a Calciomercato.com da Battistini: "Mi hanno raccontato dell'episodio con Burdisso (ride ndr.) ma ho ricevuto anche altri attestati di stima come da Diego Capel, anche lui nostro assistito che lo ha aiutato tanto. Asencio ha qualità importanti, un colpo di testa da prima punta vera e grande facilità di calcio. Chi può ricordare? Credo che il paragone con il primo Fernando Torres quello degli esordi con l'Atletico Madrid possa starci, del resto fisicamente si somigliano molto. Quali sono i progetti del Genoa per lui? Sicuramente continuare a fare la spola fra prima squadra e Primavera per farlo crescere ancora. Parlare di mercato ora è prematuro, ma se Raul si confermerà per quanto fatto vedere finora un prestito in futuro per fare esperienza sarà preso in considerazione. Sicuramente è seguitissimo da tanti club italiani e non, ma il suo presente e futuro si chiama Genoa".