Esordio stagionale a Marassi domani per il Genoa. La squadra di Juric alle 18 affronterà il Cesena al Ferraris per il terzo turno di Coppa Italia. Queste le parole dell’allenatore rossoblù in conferenza stampa: "Penso che abbiamo lavorato bene anche se siamo incompleti. Siamo però vogliosi di iniziare. Voglio vedere una buona prova e tutto quello che abbiamo provato. Cesena? Son squadre di Serie B ma composta da giocatori buoni che possono far male. Sicuramente non li sottovalutiamo. Abbiamo lavorato bene, le difficoltà sono che abbiamo giocatori squalificati come Zukanovic o altri che non sono pronti. Abbiamo insistito molto sul gioco palla a terra da dietro. Cerchiamo comunque di alzare il livello di tutto".

DIFESA - “Sì, Biraschi andrà in panchina perché non vogliamo prendere rischi, Izzo ci mancherà tanto e Zukanovic è squalificato per la coppa. Qualcuno arriverà. Domani giocherà Rosi in un ruolo non suo ma sono fiducioso farà una bella gara".

ATTACCO - “Gioca Simeone. Ha lavorato tanto, ha sofferto pochissimo e lo vedo bene. Lapadula? E’ ancora lunga. E' un giocatore che ha iniziato a correre due giorni fa".

CAMPIONATO - “Penso che sarà dura. L'anno scorso ci siamo salvati alla penultima giornata quindi vuol dire che siamo in quel livello lì. Sarà dura e vedremo domenica dopo domenica".

MERCATO - “In testa abbiamo le idee chiare. Anche fra quelli che abbiamo preso hanno magari giocato poco, Lapadula è stato un acquisto importante e Bertolacci. Serve un acquisto in difesa al posto di Burdisso. Spolli può darci una mano mentre la situazione di Simeone è chiara".

VAR - “Voglio ascoltare quello che dicono".

TAARABT - “E' rientrato dopo il ritiro in Austria. Si è messo a disposizione ed è giusto dargli un'occasione. Secondo me è un giocatore valido, si allena bene. Non gioca da molto ma, ripeto, è un giocatore valido".

LAXALT - “C'è questa opzione che vediamo come si sviluppa. A me dispiacerebbe molto se succedesse ma devo anche capire i meccanismi della società. Laxalt ha ampi margini di miglioramento”.

COPPA ITALIA - “Ci tengo molto perché penso sia una soddisfazione per tutti. Dai il massimo però poi incontri la Juve, quindi il cammino è più difficile di anni fa".