Esistono due Ciccio Graziani. Il primo: campione d'Italia con il Torino nel 1974, campione del Mondo nel 1982, tra gli attaccanti più pericolosi e fastidiosi d'Europa, a un passo dalla Coppa dei Campioni con la maglia della Roma nel 1984. Cuore, corsa e gol. Il secondo, invece, si siede in panchina: ha allenato Fiorentina, Ascoli, Reggina, Avellino, Catania e Montevarchi. Per tutti, però, resta l'allenatore del Cervia. Cuore, urla e vittoria. Tra un "Ti mangio la testaaaaaaaaaaa" "un mannaggia a te e chi ti fa giocare", tra un "ti ammazzo" e "fatti n'artro sonno. Mannaggia a te e tutta Paestum" è entrato con simpatia, e forza, nelle case di tutti gli italiani insieme al Reality "Campioni-Il Sogno". 

CHE RICORDI! - Un campionato d'Eccellenza vinto, milioni di tifosi conquistati. Bambini e ragazzi con la 19 di Scandroglio, la 7 di Maffini, la 10 di Moschino e la 21 del Cobra Gualtieri; occhi pieni delle sfide di Ljubisic per tenersi stretto il posto, occhi pieni delle punizioni con un effetto mai visto di Spagnoli;  bocche spalancate dalle risate, infinite, per le battute di Alfieri&Gullo e della Gialappa's, dita incollate al telefono per scegliere i titolari...

AUGURI MISTER! - Oggi, i protagonisti di quell'immortale reality, fanno gli auguri al loro mister. Sì, perché Ciccio Graziani compie 65 anni. E, a calciomercato.com, i suoi ragazzi hanno voluto dedicargli, ognuno, un piccolo pensiero. Chi fa il l'allenatore chi il papà, in tanti hanno trovato spazio per un piccolo-grande pensiero a un mister e un amico indimenticabile.