La Fifa ha prorogato di 20 giorni la sospensione provvisoria del peruviano Paolo Guerrero per un caso di presunto doping a Lima, come annunciato dal presidente della Federcalcio peruviana, Edwin Oviedo. "Ci auguriamo che questo tempo che si è presa la Fifa serva a risolvere favorevolmente la questione Guerrero", ha detto Oviedo ai giornalisti locali. La decisione dell'organo di governo del calcio mondiale allontana definitivamente la possibilità che il giocatore scenda in campo con il suo club, il Flamengo, nella finale della Coppa Sudamericana contro gli argentini delll'Independiente. La Fifa ha provvisoriamente sospeso Guerrero per un mese a inizio novembre, dopo che nei suoi campioni di urina sono state trovate tracce di uno stimolante che non è stato annunciato ufficialmente fino ad ora. Dopo un'udienza la settimana scorsa a Zurigo, gli avvocati brasiliani di Guerrero hanno sostenuto che la Fifa ha accettato la prova che presumibilmente certifica che il giocatore abbia utilizzato la cocaina.