E' costato carissimo il calcio rifilato dall'ex difensore della Juventus Patrice Evra a un sostenitore del Marsiglia al seguito della squadra per il match di Europa League contro il Vitoria Guimaraes. Con una nota sul proprio sito ufficiale, il presidente del club francese Jacques-Henri Eyraud ha annunciato la sospensione con effetto immediato del calciatore classe '81 dopo un colloquio avuto in giornata. L'inchiesta interna sui fatti avvenuti nel pre-gara di ieri sera hanno accertato le responsabilità di un nutrito gruppo di tifosi dell'OM che, dopo aver ripetutamente provocato Evra con cori insultanti, hanno avuto accesso al campo per parlare con la squadra, ma allo stesso tempo viene fermamente condannata la reazione di un atleta di tale professionalità ed esperienza. La sospensione comporta la sospensione dello stipendio del tesserato per tutto il tempo necessario per portare a termine l'inchiesta disciplinare, dopo la quale Evra rischia di incorrere in un'ulteriore sanzione, la più grave delle quali è il licenziamento.

Evra era arrivato al Marsiglia dalla Juventus nel gennaio 2017 ed era entrato da subito in rotta con i suoi nuovi tifosi per una serie di prestazioni al di sotto delle aspettative, che in questa stagione hanno portato l'ex capitano della nazionale francese a finire spesso in panchina in favore di Amavi. Il prossimo 10 novembre si riunirà la commissione disciplinare della Uefa per analizzare l'episodio di Guimaraes, che ha portato all'espulsione del giocatore prima del fischio inizio e che ora potrebbe portare a una lunga squalifica.