Vedi Verona e... risorgi? E' questo l'interrogativo che il Milan e Gennaro Gattuso si pongono alla vigilia di una sfida importante per confermare i passi in avanti evidenziati contro Bologna in campionato e contro i gialloblù in Coppa Italia, in particolare a proposito di un giocatore che al "Bentegodi" quest'anno ha già lasciato il segno, contro il Chievo. Hakan Calhanoglu torna a disposizione dopo aver saltato le ultime 4 partite ufficiali per un problema al polpaccio e dalla sfida contro la squadra di Pecchia inizia una serie di partite, che si concluderà con la trasferta di Firenze del 30 dicembre, per tenersi stretta la maglia rossonera.

GATTUSO CI CREDE - Gattuso ha speso parole importanti nei confronti del trequartista turco, la più grande contraddizione sin qui del mercato estivo del Milan, arrivato col compito di fare la differenza e di regalare quella qualità tra le linee che spesso è venuta a mancare nelle passate stagioni e finito in un anonimato figlio anche di una collocazione tattica che rimane un mistero irrisolto. "Ne ho visti pochi calciare come lui, ha recuperato, si è allenato bene e ha caricato molto. La sua condizione deve migliorare ma le sue doti balistiche sono enormi. Prima della squalifica in Germania aveva una gamba fantastica, correva e può fare tutti i ruoli d’attacco. Deve recuperare quella condizione", ha parlato così l'allenatore rossonero, che nelle sue prime tre panchine al posto di Montella ha già rigenerato un calciatore come Bonaventura.

IL MERCATO CHIAMA - Spesso in concorrenza con l'ex atalantino, Calhanoglu ha faticato ad esprimersi in tutte le posizioni in cui è stato utilizzato, da mezzala prima e da fantasista dietro una o due punte poi. Contro il Verona, il 10 rossonero partirà dalla panchina, pronto a subentrare a gara in corsa e provare finalmente ad incidere dopo 5 mesi di anonimato. Da esterno sinistro al posto di uno tra Borini e Cutrone o da mezzala, ancora in ballotaggio con Bonaventura, sono queste le posizioni predilette dal turco, chiamato ad una drastica svolta nello spazio di poche settimane per cambiare un destino che sembra scritto. Fenerbahce e Galatasaray hanno manifestato il proprio interesse, la Bundesliga rimane un campionato nel quale Calhanoglu ha mercato, ma il Milan ci penserà fino all'ultimo prima di bocciare uno degli investimenti tecnicamente più importanti dell'ultimo mercato. Vedi Verona e poi risorgi? E' questo che si chiede Gattuso e con lui tutto il club rossonero.