20 anni. Sono passati 20 anni da qualcosa che ha segnato le vite, calcistiche, di tutti. L'Inter ufficializzava il Fenomeno; metteva piede in Italia Ronaldo, a una velocità che non si era mai vista prima su un campo da calcio, con quella clausola rescissoria da 48 miliardi di lire pagata al Barcellona. 

"Sono qui per vincere lo scudetto" dichiarò il giorno della sua presentazione all'Inter. Non è mai arrivato. In compenso, ha alzato al cielo un Pallone d'Oro e una Coppa Uefa, scontrandosi nella corsa tricolore contro la Juventus e Mark Iuliano. Oltre, ovviamente, a ricevere l'amore di tutti che, estasiati, osservavano quel calciatore non identificato volare sul campo, accolto a San Siro dall'abbraccio dei bambini.