L'idea è chiara: liberare il talento di Brozovic e Joao Mario, così da evitare loro compiti prettamente difensivi. Bocciata la diga croata-portoghese, l'Inter è alla ricerca di un equilibratore, di un ruba palloni che possa coprire le spalle ai due interni di centrocampo. Nell'idea tattica di Pioli, infatti, c'è una difesa a 3, una linea a 4 (e Brozovic sarà uno dei due mediani) a centrocampo e Joao Mario più avanzato con Icardi e un altro giocatore offensivo. 

Per questo motivo la società nerazzurra, insieme al tecnico, sta cercando un regista che possa abbinare qualità e quantità. In pole, come scrive la Gazzetta dello Sport, c'è Lassana Diarra del Marsiglia, club a cui piace Kondogbia, vecchio pallino interista dai tempi di Mancini. Classe '85, in rotta con la squadra francese da tempo, può arrivare a basso prezzo. Il secondo nome è quello di Badelj della Fiorentina, cercato anche dal Milan; mentre è stato proposto Obi Mikel, in uscita dal Chelsea. Si monitorano anche Schneiderlin del Manchester United e Krychowiak del PSG. Gli ultimi due sono decisamente difficili per il costo del cartellino e per l'ingaggio, visto che l'Inter deve sempre fare i conti con i paletti del Fair Play Finanziario. La prima scelta è Lass Diarra.