INTER

Handanovic 5,5
: Tenta l’uscita disperata su El Shaarawy ma l’attaccante giallorosso lo beffa in pallonetto. Impreciso su alcune giocate in palleggio.

Cancelo 6,5: Il miglior terzino a disposizione di Spalletti. Sceglie sempre la giocata giusta e crossa con grandissima qualità. 

Miranda 6,5: Tornava dopo l’infortunio e la lunga sosta, ossigeno per Luciano Spalletti. Il brasiliano gioca una gara priva di sbavature.

Skriniar 6,5: Causa scarse idee nel cuore del centrocampo, è spesso lui a provare la verticalizzazione. Nel primo tempo ne sbaglia due e poi ne indovina una per Icardi che però non ne approfitta. Il solito muro negli uno contro uno.

Santon 4: Regala alla Roma il gol del vantaggio servendo a El Shaarawy un assist perfetto. (Dal 77’ Dalbert: s.v.)

Gagliardini 5: Inizia la gara con il freno a mano tirato e con tanta tensione da gestire. Sbaglia anche palloni semplici, quando sembra in via di riassestamento, Spalletti lo richiama in panchina. Una sotituzione che sa di bocciatura.(Dal 46’ Brozovic 6: disegna l’assist perfetto per la testa di Vecino che buca Alisson)

Vecino 7: Tra i due centrali di centrocampo è quasi sempre lui a staccarsi per andare a portare il primo pressing ai difensori avversari. Esattamente come all’andata, timbra il cartellino, questa volta uccellando Manolas e Fazio. Un voto in più per il gol decisivo.

Candreva 6: Non eccelle, ma cresce l'intesa con Cancelo.(Dal 70’ Eder 6: Entra ed impensierisce immediatamente Alisson con un bel diagonale, poi di testa divora il possibile pareggio impattando male un bellissimo cross di Cancelo)

Borja Valero 6,5: Da trequartista ne vede poche, come spesso accade. Nel secondo tempo Spalletti lo sposta a centrocampo e finalmente inizia a sentiri a proprio agio.

Perisic 6,5: Il primo dei suoi a rendersi realmente pericoloso con un bel colpo di testa che finisce di poco a lato. Poi si lascia ipnotizzare da Alisson e a pochi metri dalla linea di porta centra il portiere giallorosso. 

Icardi 6,5: Prova a pungere ma prima il palo e poi Alisson gli negano la gioia del gol sul più bello. 

Spalletti 6: Meriterebbe i tre punti ma questa volta a punirlo è un errore individuale.


ROMA

Alisson 7: Con Perisic a due passi mantiene il sangue freddo e gli nega la gioia del gol. Si ripete con una gran parata suIcardi. Decisivo.

Florenzi 5: Perisic continua a sgommare dalla sua parte e lui non riesce a contenerlo.

Manolas 5,5: Impensierito da Icardi, lascia libera la strada a Vecino per l’inserimento-gol in area di rigore. 

Fazio 5,5: Osserva la parabola di Brozovic che si spegne sulla testa di Vecino, senza intervenire. 

Kolarov 5,5: Cancelo lo impensierisce non poco e per questo motivo si vede costretto a limitare le proprie avanzate. 

Pellegrini 5,5: Alla mezzora fallisce una facile occasione calciando a lato. Non sarà l'unico errore di imprecisione della sua partita. 

Strootman 6: Sostanza e concretezza lì davanti alla difesa. Pulisce tanti palloni sporchi e nel primo tempo (quando lo spagnolo agisce da trequartista) concede poco e niente a Borja Valero.

Gerson 6: Non va quasi mai ad esplorare oltre la sua zolla, ma svolge sufficientemente i propri compiti in aiuto a Kolarov. (Dal 70’ Peres 5: Mette piede in campo e va subito in confusione. Non avrà il tempo di riprendersi).

Nainggolan 6,5: Si batte al solito come un leone, ma questa volta è meno concreto del solito. Occuopa tutte le zone del campo: ala sinistra, trequartista e terzino: fa tutto e bene.

Dzeko 5,5: Distratto? Prova a spaziare sul fronte d'attacco, ma non lascia il segno. (Dal’84’ Schick s.v.)

El Shaarawy 7: Sul suo gol è ingenuo Santon, ma lui non smette mai di crederci e quando si presenta davanti ad Handanovic lo fredda con un delicato tocco sotto da killer. (Dal 75’ Juan Jesus: s.v.)

Di Francesco 6: Al Meazza la sua Roma non fa la figura della grande squadra. Passa in vantaggio per un clamoroso errore di Santon e si chiude in difesa del vantaggio poi annullato da Vecino.