L'Inter ha da tempo nel mirino Radja Nainggolan. Il centrocampista belga è in uscita dalla Roma, che ha bisogno di completare almeno una cessione importante nel corso della prossima estate e il club nerazzurro lo ha individuato come il rinforzo più importante sul mercato.

LA CARTA SABATINI - L'Inter oggi ha un'arma in più per spingere sull'acceleratore con Nainggolan. L'inserimento di Walter Sabatini nell'organigramma della parte sportiva di Suning è un mossa che spinge il club nerazzurro verso il giocatore. Sabatini fu infatti l'artefice dell'approdo di Nainggolan alla Roma nel 2014, un'operazione che permise ai giallorossi di superare la concorrenza proprio dell'Inter, ma anche della Juventus. Sabatini è in ottimi rapporti con l'entoruage del giocatore ed è stato lui a sottoscrivere con la Roma l'ultimo rinnovo di contratto del belga.

IL MIGLIORE AL MONDO - Nainggolan non è l'unico profilo seguito dall'Inter per la mediana, ma il centrocampista è un autentico pupillo di Sabatini che in una delle sue ultime dichiarazioni ufficiali ha elogiato apertamente il centrocampista: "Spero che la Roma se lo tenga, vale 60 milioni perché ha 29 anni. E' il giocatore più forte d’Europa. Quando ho preso Nainggolan a 9 milioni per la metà mi hanno dato del cianotico e dell’avvinazzato…”.

COSTI - Dichiarazioni da ex-dirigente della Roma e che, ora, guarda l'operazione Nainggolan dall'altra parte della barricata. L'Inter lo vuole e al giocatore è disposta ad offrire 5 milioni di euro all'anno per 5 anni. Lui ha confermato, parlando a Roma TV, che se potesse: 'Vorrei restare' (LEGGI QUI), ma il club giallorosso ha bisogno di cedere. E proprio da un'accesa trattativa con la Roma passerà l'Inter e Sabatini non si è lasciato al meglio con il presidente Pallotta e allora sarà difficile scendere sotto la richiesta di 50 milioni di euro fatta dai giallorossi.