Gli infortuni che hanno subito in questa stagione Barzagli, Bonucci e Chiellini hanno bruscamente fatto aprire gli occhi alla Juventus che si è riversata subito sul mercato dei difensori per programmare in ottica futura una naturale successione. L'età anche per la BBC avanza e anche Mehdi Benatia, arrivato in estate in prestito dal Bayern arriverà a quota 30 nella prossima stagione. 

SOLO RUGANI NON BASTA - La certezza, già presente in rosa, si chiama Daniele Rugani. La crescita del centrale ex Empoli sta proseguendo a ritmi spediti e nelle prossime gare subirà un'ulteriore accelerazione data l'assenza forzata di numerosi elementi del pacchetto arretrato a disposizione di Massimiliano Allegri. Lui sarà sicuramente uno dei perni della Juve del futuro, ma accanto a lui dovranno arrivare in bianconero altri rinforzi.

I NOMI - Se il nome di Ivanovic, jolly difensivo del Chelsea, è stato fatto per un eventuale rimpasto immediato del reparto, il discorso cambia quando si guarda in casa Atalanta dove il profilo di Mattia Caldara, che insieme a Kessiè, Conti e Gagliardini sta avendo un'esplosione incredibile alla corte di Gasperini, piace da tempo al ds Paratici. Lui è seguito da oltre un anno e nonostante la ricca concorrenza (Inter e Roma sono su di lui), la Juventus proverà ad assicurarselo quando presenterà l'affondo per Kessiè. In Francia piace tantissimo il profilo di Malang Sarr, classe '99 protagonista con il Nizza in questo straordinario inizio di stagione Per gli esterni dove la Juventus dovrà sostituire Patrice Evra e Dani Alves, i nomi più caldi restano quelli di Mattia De Sciglio e Matteo Darmian, ma non va sottovalutato proprio il profilo di Andrea Conti che con Caldara sta facendo bene a Bergamo. Tanti nomi, tanti profili, il cambio della (retro)guardia, in casa Juventus è già programmato.