Mentre non si spengono le polemiche post Real-Juve, i bianconeri volano in campionato. Prima di pensare alla sfida scudetto con il Napoli, c'è la trasferta di Crotone che rimane crocevia fondamentale per gestire un finale di stagione come questo ricco di insidie e scontri diretti. Queste le parole di Max Allegri in conferenza stampa.

CROTONE - "Tra le due partite che dovremo affrontare in settimana, credo che la più importante e decisiva sia quella di domani. Perché arrivare con sei punti di vantaggio allo scontro diretto è un vantaggio importante. Poi ho già sentito in giro festeggiamenti che senza la matematica non hanno senso, per avere la matematica certezza mancano ancora punti. Il Crotone ha sei punti in più dell'anno scorso, serve partita attenta e bisogna venir via con i tre punti. I ragazzi devono giocare al meglio, perché questi punti che abbiamo non bastano anche considerando come il Napoli abbia il campionato come unico obiettivo".

BENATIA - "Giudicare dall'esterno non è mai semplice. E' una settimana che tutti parlano, su questa vicenda del post partita hanno cavalcato in tanti l'onda. Ora basta. Noi dobbiamo parlare poco, anzi stare zitti. Abbiamo due obiettivi da centrare, queste cose fanno solo disperdere energie. Fuori dal campo qualunque cosa succeda non ci deve toccare, ora basta. Così non si risolvono i problemi. Dobbiamo fare solo due cose, vincere campionato e Coppa Italia. Benatia multato? Ci penserà la società (non verrà multato, ndr), dico e ripeto che bisogna stare solo zitti, mettersi i tappi alle orecchie. Domani gioca perché Chiellini dovrebbe avere un turno di riposo".

HIGUAIN - "Della diffida a me non frega niente, se Higuain sta bene domani gioca. L'importante è vincere domani, rimanere a +6. Come sta? Sta bene, ultima esercitazione di ieri l'ha visto uscire prima dall'allenamento ma non è niente di preoccupante".

DUELLO - "Abbiamo 84 punti e in altre situazioni avremmo vinto il campionato, così non è. Il Napoli è vicino a battere il proprio record di punti, hanno pressione maggiore perché gli è rimasto solo il campionato".

BUFFON - "Domani gioca Szczesny. Per quanto riguarda Gigi la serata di Madrid gli ha fatto bene. I campioni vivono di grandi serate e adrenalina e lui ne aveva bisogno. Fosse tutto calmo e piatto ci addormenteremmo"

MANDRAGORA - "Sta facendo un buon campionato. Per il futuro non so dobbiamo arrivare in fondo alla stagione e poi vedremo cosa fare. Dobbiamo concentrare tutte le forze sulla fine della stagione e sul campo"

DOUGLAS COSTA - "Non si scopre ora, acquisto importante da parte della Juventus, giocatore di tecnica e spessore internazionale. Questo è un periodo, quando si arriva in fondo, in cui questi giocatori si esaltano ancora di più".

TABELLA - "Calcoli non bisogna farne, mancano sei partite e bisogna fare quattro vittorie. Abbiamo calendario difficile, lo stesso il Napoli. Intanto andiamo a Crotone e bisogna vincere, poi ci prepareremo ad una bella serata di calcio".

KHEDIRA - "E' un giocatore di uno spessore internazionale di cui forse in diversi non si sono accorti. Dove è stato è stato, ha sempre giocato, con tutti gli allenatori. Un motivo ci sarà. E' stato anni al Real, poi fortunatamente è venuto alla Juve, che lo ha rimesso in piedi"

SETTORE OSPITI - "Non so niente di questo, di sicuro sarà una grande serata di calcio tra due squadre che si contendono il titolo. In Italia si deve raggiungere un livello di maturità tale per potersi godere un momento come questo".

FUTURO - "Non abbiamo programmato niente con il presidente e con la società. Per parlare del futuro bisogna parlare con tutti, Marotta, Nedved e Paratici oltre al presidente, ma non abbiamo ancora organizzato nulla perché è un momento importante ricco di impegni".

MARCHISIO - "Può darsi che giochi, devo ancora decidere".

ROMA - "Gli auguro il meglio, Real e Bayern sono favorite per la Champions ma di queste due ne rimarrà solo una".

ATTACCO - "Oggi c'è l'allenamento e devo vedere chi ha recuperato. Cuadrado non è brillante perché ha fatto tante partite consecutive. Dobbiamo valutare anche Bernardeschi per capire se possa già rientrare in gruppo. In questo momento sono le energie mentali a fare la differenza".