Prima partita ufficiale e primo trofeo in palio. Ecco come viene vissuta l'avvicinamento a Juve-Lazio dagli ambienti delle due squadre, mentre tiene banco il caso Keita ci sono due formazioni ancora da registrare. Questo il botta e risposta tra Luca Capriotti e Nicola Balice, inviati Lazio e Juve per Calciomercato.com

Probabile formazione

BALICE – Allegri ha detto di avere ancora 3-4 dubbi: De Sciglio o Lichtsteiner, Rugani o Barzagli, Pjanic o Marchisio, Cuadrado o Douglas Costa. Non pochi, ma saranno ballottaggi ricorrenti. In questo momento la probabile formazione è questa: Buffon; De Sciglio, Rugani, Chiellini, Alex Sandro; Marchisio, Khedira; Douglas Costa, Dybala, Mandzukic; Higuain.
CAPRIOTTI - Inzaghi ha preparato la gara contro la Juventus per tutti e due i ritiri estivi. Ha fatto digerire alla squadra il 3-5-2, già sperimentato in campo durante la scorsa stagione, per affinare i movimenti e le trame di gioco. Tra i pali è sicuro del posto Strakosha, davanti a lui dovrebbero giocare De Vrij, Wallace e Radu, che ha avuto qualche problemino ma sembra ampiamente recuperato. Basta ed il neo-acquisto Marusic si giocano il posto sulla fascia destra, mentre sembra sicuro del posto dall'altra parte il capitano Lulic. Parolo e Milinkovic affiancheranno Lucas Leiva nel mezzo, pronti ad inserirsi. Immobile, altra certezza, probabilmente non avrà al suo fianco Felipe Anderson, suo compagno di reparto in quasi tutte le amichevoli, non al top della forma. Certamente non avrà Keita, sostituto naturale del brasiliano, che, clamorosamente, non è stato neppure convocato, per le note beghe di mercato. Guadagna posizioni Luis Alberto, provato spesso in regia durante il ritiro, che potrebbe tornare al suo ruolo naturale sulla trequarti.

 

Stato di forma

BALICE – Male, ma non malissimo. La Juve ha optato per un precampionato di sole grande sfide, che hanno palesato già un potenziale d'attacco di primo piano ma anche una fase difensiva ancora in difficoltà. A otto giorni dal ko col Tottenham, la differenza la farà la condizione atletica.
CAPRIOTTI - Il precampionato della Lazio, pur funestato dalla vicenda Biglia prima, da quella Keita poi, è stato molto positivo. Il buon lavoro di Inzaghi e dello staff ad Auronzo ed in Tirolo ha aiutato la squadra a trovare una buona forma: segnali positivi sono arrivati dalle amichevoli contro Bayer Leverkusen e Malaga, vinte entrambe.

 

Uomo Chiave

BALICE – Dybala: la prima da numero 10 non può essere fallita.
CAPRIOTTI - In casa Lazio tutti aspettano con ansia la stagione della consacrazione per Milinkovic Savic.

 

La Sorpresa

BALICE – Dalla panchina, la Juve, ora ha tante armi in più. Ma la sorpresa può essere Khedira, in ombra durante il precampionato eppure sempre decisivo quando conta.
CAPRIOTTI - In realtà è stato la vera e propria sorpresa del ritiro: Luis Alberto da regista ha regalato lampi di visione e gioco veloce che non ci si aspettava.

 

Il Duello

BALICE – Milinovic Savic contro la principale fonte di gioco della Juve in fase di ripartenza, che sia Pjanic o Marchisio, potrà essere il duello portante del match.
CAPRIOTTI - Mi aspetto tanto da Immobile davanti, che proverà a mettere in difficoltà la difesa della Juventus, orfana di Bonucci.

 

Keita e il mercato

BALICE – Il mercato della Juve non è completo, ma la squadra rimane forse la più forte in Italia. Dal nome del centrocampista si capirà il reale ruolo da occupare in Europa, Spinazzola è pronto a completare il pacchetto degli esterni e il caso Keita è ormai a un punto di non ritorno: col suo arrivo, Allegri avrà a disposizione un attacco ancor più completo e potenzialmente devastante. La mancata convocazione, però, non è un bel segnale e Lotito si conferma incapace di gestire queste situazioni.
CAPRIOTTI - La vicenda Keita è stato l'ennesimo fulmine a ciel non sereno di questo mercato biancoceleste, profondamente intrecciato con i 3 rinnovi mancati, Biglia, Keita e De Vrij, che dovranno o sono stati trasformati in cessioni. A questo punto il braccio di ferro è nel momento di massima tensione: il senegalese non ha gradito per niente l'esclusione clamorosa, dopo essere stato provato in settimana a fianco di Immobile, per sostituire Felipe Anderson. E guerra sia, purché la Lazio riesca a venderlo, e soprattutto a regalare ad Inzaghi un sostituto degno di questo nome. E ci sarebbero molti e molti e molti esuberi da sistemare a Formello. Altrimenti tanto vale iscrivere una Lazio B alla serie cadetta, e vedere come va...