Un'esclusione inattesa e inaspettata, ma frutto di un momento della carriera di Claudio Marchisio tutt'altro che positivo. Il commissario tecnico dell'Italia, Giampiero Ventura ha infatti scelto di non convocare il centrocampista della Juventus in vista delle sfide che vedranno la Nazionale affrontare l'Albania, nell'importante sfida di qualificazione ai Mondiali 2018 e l'Olanda in amichevole.

SCELTA TECNICA - L'esclusione di Marchisio non ha alcuna motivazione di natura fisica, ma solo tecnica. Il mediano classe '86 non ha problemi e ha recuperato clinicamente da tutti i problemi che lo hanno fermato in questa e nelle passate stagioni. Nell'ultima partita di Champions League contro il Porto ha giocato per 90 minuti e, per questo, l'esclusione dai convocati è arrivata come una doccia gelata a Torino. Ventura sta puntando su una folta linea giovane e sta "allenando" negli stage tutti i convocabili al fine di poter avere a disposizione i giocatori più in forma di partita in partita. Gagliardini è in un momento positivo, Marchisio no e per questo è arrivata l'esclusione.

RISERVA ANCHE NELLLA JUVE? - La realtà per Marchisio è che gli infortuni al tendine d'achille prima e al legamento crociato poi, stanno ancora condizionando il suo rendimento in campo e stanno modificando anche il suo status all'interno dello spogliatoio bianconero. Marchisio fatica a ritrovare la giusta forma e nel nuovo modulo di Massimiliano Allegri viene dopo gli intoccabili Pjanic e Khedira. Nelle ultime due gare di campionato è rimasto seduto in panchina e la stessa sorte dovrebbe toccargli anche oggi contro la Sampdoria. Il contratto con la Juve recita 30 giugno 2020 come scadenza. Tre anni che, probabilmente, rischiano di essere anche gli ultimi ad alti livelli della sua carriera. Quale futuro sceglierà di vivere il Principino? La Juve valuta, il ciclo di Marchisio è destinato a finire?