Beppe Bergomi parla della difesa bianconera sulle colonne de La Gazzetta dello Sport: "La partita di Barcellona ha mostrato una situazione ormai evidente: la difesa della Juventus è come se rifiutasse la sconfitta. Il reparto arretrato di Massimiliano Allegri non accetta di ritrovarsi in situazioni di difficoltà. Tutti si aiutano e questo fa sì che sia la miglior difesa in assoluto. Chi ha fatto epoca negli ultimi 10 anni è il Barcellona, ma difendeva di squadra non facendo mai uscire l’avversario dalla propria metà campo: il blocco operava aggredendo con il recupero palla e la difesa alta. Ma, presa singolarmente, la difesa della Juventus è la più forte degli ultimi 10 anni. Per questo motivo oggi, in Europa, non ha eguali".

GRAZIE, CONTE - "Nella gara di ritorno contro il Barcellona, schierandosi a quattro, Bonucci e Chiellini sono stati straordinari: abili a giocare a campo aperto e a pressare alti. Sanno lavorare bene in coppia, sono bravi di testa. Mentre Dani Alves e Alex Sandro hanno trovato una partita di sostanza, reggendo agli uno contro uno, dando la sensazione di non aver neppure bisogno di un raddoppio. Stiamo parlando di un reparto vicino ormai a vincere il sesto scudetto di fila e non va dimenticato che la svolta è arrivata con Conte che ha di fatto inventato quella difesa a tre in cui i protagonisti sono cresciuti. Bonucci su tutti, in personalità, impostazione e carisma. Chiellini in temperamento e leadership. Barzagli nella garanzia di non sbagliare mai una partita".