Il Milan ha le idee chiare per quanto riguarda la campagna di rafforzamento della rosa. L'attenzione si è spostata sul reparto offensivo, con la chiara volontà di affiancare ad Andrè Silva un profilo esperto e che conosca la nostra serie A. Ecco perchè Nikola Kalinic della Fiorentina è qualcosa di più di una semplice idea.

 INCONTRO CON LA FIORENTINA - Il nome dell'attaccante croato è stato fatto da Vincenzo Montella che, per caratteristiche fisiche e tecniche, lo considera ideale per il suo concetto di calcio. L'eventuale arrivo di Kalinic permetterebbe ad Andrè Silva un ambientamento graduale, senza fretta, e la possibilità di avere un giocatore utile anche per l'Europa League, competizione già disputata con la maglia viola e del Dnipro con il quale raggiunse la finale nel 2015. Tra martedì e mercoledì Massimiliano Mirabelli avrà un primo contatto con la Fiorentina nella figura di  Pantaleo Corvino, in una discussione che potrebbe interessare anche dei giocatori del Milan come Gianluca Lapadula e Gabriel Paletta, graditi al tecnico Stefano Pioli.

TRA VOGLIA DI MILAN EPOSSIBILE SCONTO - Chi attende con ansia l'esito del primo summit è il giocatore stesso che considera chiuso il suo ciclo a Firenze e vuole cogliere al volo questa opportunità. Un concetto che ha già espresso ai Della Valle attraverso l'agente Tomislav Erceg. Proprio sulla volontà del ventinovenne di Salona vuole far leva Mirabelli, intenzionato a presentare una proposta da 20 milioni come base fissa più bonus contro i 30 di richiesta. Così come Andrea Conti anche Nikola Kalinic vuole fortemente il Milan, segnale che il nuovo corso rossonero mantiene un certo tipo di appeal tra i giocatori.