Pierpaolo Marino, direttore dell´area tecnica dell´Atalanta, parla in esclusiva ai microfoni di Radio Sportiva:

CANINI PER MANFREDINI - Ci sono state delle partenze dolorose anche da un punto di vista umano come Peluso e Manfredini, il tempo ci dirà se abbiamo avuto ragione. L´addio di Tomas inaspettato? Siamo stati sorpresi da una sua richiesta a metà dicembre, ci disse di aver avuto un´offerta importantissima dal Genoa con modalità un po´ ouscure perchè lui aveva ancora un anno e mezzo di contratto con noi. Sono le regole non scritte del mercato, ci siamo trovati di punto in bianco con un´offerta che non eravamo in grado di pareggiare. Evidenzierei che secondo me il campionato va fermato quando c´è il mercato, come intelligentemente ha fatto la Serie B: non si può giocare durante manovre così importanti e variegate, mi riferisco all´assenza di Manfredini a Verona. 

SCHELOTTO - Non ci ha mai chiesto di andare via, siamo liberi di decidere, ha molte richieste ma non ci siamo ancora seduti a trattare con nessuno, per ora solo manifestazioni di interesse. Livaja? Schelotto è uno dei nostri perni della stagione scorsa, non abbiamo bisogno di scambiarlo con giocatori che non sono ancora pronti per giocare titolari: l´offerta è da esaminare solo se l´Atalanta riceve un benificio economico adeguato. Ma i tempi per la sua cessione non li vedo maturi, nessuno ha portato un assalto veemente: se arriverà ne parleremo. Sarei felice se rimanesse ma anche se realizzasse i suoi desideri.

FARE DI NECESSITA´ VIRTU´ - A gennaio le medio piccole sono costrette a subire loro malgrado delle cessioni quando si muovono le grandi squadre. Noi non vogliamo indebolirci ma se un giocatore chiede di andare via si prova a resistere ma alla fine è inevitabile cedere. Abbiamo cercato di rimediare con due acquisti: L´affare Peluso era praticamente già chiuso in estate, lo avevamo già sostituito con Brivio. 

LAZIO NEL MIRINO - Siamo una squadra scomoda per tutte: loro hanno infilato una sequela di risultati monstre, la conosciamo bene ma abbiamo già interrotto la serie positiva dell´Inter, andiamo lì con l´ambizione di fermare anche la loro. Vogliamo stupire tutti.

COLPACCI - Cosa mi aspetto da gennaio? Il ritorno di Balotelli in Italia, col milan favorito senza escludere il Napoli.