Il bruttissimo ko subito a Marassi dal Milan contro la Sampdoria sta lasciando strascichi importanti nell'ambiente rossonero. Lo sfogo di Marco Fassone a mezzo stampa poco dopo le parole di Vincenzo Montella è un segnale forte di come l'andamento altalenante di questo inizio di stagione in campionato non solo non sia ben accetto, ma rischia seriamente di compromettere il futuro del club.

LA SQUADRA NON GIOCA A CALCIO - E sul banco degli imputati, oltre ai giocatori, ci sta andando ovviamente anche l'allenatore napoletano. Non è concepibile come il Milan sceso in campo ieri non sia riuscito in 90 minuti a portare un solo tiro verso la porta difesa da Puggioni. Il gioco è sterile, le formazioni non hanno mai una base di continuità e perfino il cambio modulo imposto dopo il ko contro la Lazio non sta dando i frutti sperati dato che sta snaturando due dei migliori interpreti degli ultimi anni: Suso e Bonaventura.

ESONERO O CONFERMA? - Nonostante la fiducia ribadita, almeno a parole, da parte della dirigenza, il futuro di Montella oggi è quantomeno sotto esame. La serenità trovata in estate, anche in seguito al rinnovo di contratto fino al 30 giugno 2019, è ormai lontana e ora il ds Massimiliano Mirabelli e l'ad Marco Fassone stanno valutando se cavalcare o meno il malcontento dei tifosi. Sui social è infatti espolo l'hashtag #MontellaOut con una grossa fetta dei tifosi che vorrebbe subito l'esonero dell'allenatore. Il calendario che attende i rossoneri non è però semplice: dopo la sfida di Europa League contro il Rijeka il Milan sarà chiamata ad affrontare la Roma e l'Inter a San Siro.

E voi? Se foste nella proprietà rossonera ESONERESTE MONTELLA O LO CONFERMERESTE? Ditecelo votando al nostro sondaggio.