Secondo La Gazzetta, il Milan verrà messo alle strette dall'Uefa per il voluntary agreement che non sarà accettato secondo il quotidiano. Di conseguenza, a giugno attenzione alle possibili batoste: tra queste un monte ingaggi che è salito di 50 milioni lordi in estate, senza gli introiti della Champions andrà riequilibrato e la batosta saranno delle potenziali cessioni illustri, tra cui quella di Donnarumma che è il "nome più circolato in queste ore", si legge.